Crostata: pasta frolla al caffè, crema di banane e cioccolato fondente

Crostata: pasta frolla al caffè, crema di banane e cioccolato fondente
Crostata: pasta frolla al caffè, crema di banane e cioccolato fondente

La crostata è uno dei dolci che mette d’accordo tutti quanti, qualunque sia la farcitura, confettura, cioccolato, crema pasticcera o come in questo caso con cioccolato fondente e crema di banane, la mia con limoni sesamo e pepe 😀 qui trovi la mia ricetta  😉

È da un po’ di tempo che avevo in mente di preparare una crostata con pasta frolla al caffè, inoltre volevo anche preparare una crostata con la crema di banane. Ebbene l’abbinamento è davvero notevole!!
La pasta frolla al caffè è risultata una vera e propria rivelazione, in più la semola rimacinata e la farina di mais rendono leggermente sabbiosa la frolla.
Fra l’altro il mais dona alla pasta frolla un allegro color giallo polenta, non c’è bisogno di spennellare la pasta frolla con l’uovo per farla dorare.

Inoltre il risultato è una frolla molto interessante anche per preparare dei gustosi biscotti.

Qui trovi la ricetta della mia crostata con banane, crema pasticcera ed amaretti

Lista della spesa per la pasta frolla

  • 100 g di farina di Monococco – io Tradizioni Padane
  • 100 g di farina di tipo 0
  • 50 g di semola rimacinata
  • 50 g di farina di mais tipo fioretto
  • 190 g di zucchero
  • 1 uovo – io biologico
  • 90 g di burro chiarificato
  • 1 espresso – io decaffeinato

Lista della spesa per la farcitura

  • 30-40 g di cioccolato fondente – io Toscano Black 63% di Amedei
  • 3 cucchiai di crema di banane
  • Latte (io scremato) q. b. per ammorbidire la crema di banane

 

Cuciniamo

 

  1. Prima di tutto setacciare tutti i tipi di farina, poi preparare un espresso e tagliare il burro in piccoli quadratini.
  2. Versare nel cestello della planetaria tutti gli ingredienti, impastare con il gancio per gli impasti finché non si forma una palla.
  3. Accendere il forno e portarlo a 170° in modalità statica.
  4. Spostare l’impasto nello stampo, io ho usato uno stampo da 26 cm in silicone, se si utilizza uno stampo di differente materiale va precedentemente imburrato ed infarinato.
  5. Lavorare l’impasto con le mani stendendolo fino a raggiungere in altezza più della metà dei bordi dello stampo.
  6. Sminuzzare il cioccolato con un coltello e versarlo sull’impasto.
  7. Ammorbidire la crema di banane con il latte e versarla sul cioccolato, livellandola bene per tutta la superficie dell’impasto.
  8. Abbassare i bordi della frolla su se stessa ed infornare per 25 minuti, dopo alzare la temperatura del forno fino a 200° spegnere il forno dopo 5 minuti e lasciar lo stampo nel forno con lo sportello aperto per circa 10 minuti, dopo sfornarla farla freddare completamente prima di toglierla dallo stampo.
  9. Servire fredda.

 

Buon Appetito!!

 

Annunci

Dolce per Halloween: Ciambella alla zucca, fiori di zucca e Nutella

Ciambella alla zucca, fiori di zucca, Nutella e semi di lino
Ciambella alla zucca, fiori di zucca, Nutella e semi di lino

Poteva mancare il mio dolce per la sera di Halloween? Una ciambella soffice con zucca, fiori di zucca, semi di lino e soprattutto Nutella. Se sei alla ricerca di una ricetta facile da preparare, ma dal successo assicurato, credimi questa ricetta fa al caso tuo!!

Questa è una torta senza decorazioni, per chi non ha voglia o tempo per fare le decorazioni 😀 . Nella foto ho proposto le fette della ciambella, per far vedere il bellissimo colore arancio all’interno del dolce una volta tagliata la ciambella.

Io non ho abbondato con la Nutella per non coprire il sapore delicato della zucca.

 

Lista della spesa

  • 150 g di farina manitoba
  • 50 g di maizena
  • 100 g di farina di semola
  • 3 uova
  • 200 g di zucchero
  • 80 ml di olio di semi di mais
  • 50 ml di latte
  • 1 bustina di lievito per dolci
  • 300 g di zucca tipo napoletana
  • 3 fiori di zucca
  • 1 cucchiaino di semi di lino
  • Nutella a piacere

 

Cuciniamo

  1. Lavare e tagliare a dadini la zucca,  fate lo stesso coi fiori di zucca io li ho tagliati in 3 parti ciascuno.
  2. Cuocere insieme sia la zucca che i fiori di zucca al vapore. Io li ho cotti insieme nel microonde utilizzando una vaporiera per microonde (la zucca sotto e i fiori sopra), a 900 watt per 8 minuti.
  3. Dopo averli cotti fateli raffreddare per evitare di cuocere le uova e gli altri ingredienti.
  4. Quando saranno raffreddati mettere tutti gli ingredienti tranne la zucca e i fiori i zucca nella planetaria.
  5. Montare per circa 7-8 minuti, quindi incorporate la zucca e i fiori zucca.
  6. Continuate a montare per altri 3 minuti, noterai che montando le verdure tenderanno naturalmente a sminuzzarsi, e doneranno il colore arancio all’impasto.
  7. Oleare o imburrare uno stampo e infarinarlo, superare questo passaggio se si usa uno stampo in silicone.
  8. Versare in un contenitore per microonde la Nutella che si vuole utilizzare e passarla al microonde ( 360 Watt per circa 1 minuto ), per evitare che scenda sul fondo della torta.
  9. Versare metà dell’impasto nello stampo, quindi aggiungere la Nutella aiutandosi con un cucchiaio, poi versare il restante composto.
  10. Infornate per  25 minuti in forno preriscaldato a 175°.
  11. Fare la prova stecchino prima di sfornare.
  12. Servire la ciambella fredda.

 

Buon Appetito !!

La Torta Pavlova per chi ama la panna le meringhe e i frutti di bosco

Torta Pavlova con frutti di bosco e gocce di cioccolato
Torta Pavlova con frutti di bosco e gocce di cioccolato

La famosa Torta  Pavlova è una torta tipica della Nuova Zelanda e dell’Australia. La tradizione vuole la nascita di questa torta in un hotel di Wellington in Nuova Zelanda il cui chef nel 1926 avrebbe creato questa magnifica torta per la ballerina russa Anna Pavlova, che negli anni ’30 era  aveva fatto una tournée in Australia e Nuova Zelanda, si dice che questo chef rimase talmente affascinato dalla bellezza di questa ballerina che volle inventare questo etereo dolce in suo onore .
Tuttavia l’attribuzione non è totalmente accertata e alcuni tendono a portare nello stesso periodo la creazione di questa torta in Australia.

La torta Pavlova, una torta nella sua versione originale fatta di meringa, crema pasticcera panna e lamponi, io in questo post vi darò la mia versine della Mia Torta Pavlova senza crema pasticcera.
Questa torta, dall’apparenza davvero eterea e sublime, è molto ambiziosa sia alla vista sia quando si assapora boccone dopo boccone.

La consistenza risulta in bocca quasi impalpabile, difatti la sua caratteristica è che si scioglie ad ogni boccone, è così friabile e soffice che se dovessi descrivervi la sensazione che provo mangiando la Pavlova direi che è un po’ come gustare candide nuvole, si avete letto bene proprio nuvole, perché solo le nuvole mi ricordano la sensazione che provo quando mangio questa torta che non smentisce la sua fama e risulta veramente eterea e sublime quasi come una ballerina di danza classica.

Se come me amate le meringhe la panna e la frutta questa torta non può mancare nei vostri menù delle grandi occasioni.

Per la preparazione di questa torta è indispensabile l’utilizzo di fruste elettriche, meglio ancora se avete a disposizione una planetaria. Montare gli albumi a mano non solo risulta molto più faticoso, ma oltretutto si rivelerebbe una preparazione decisamente lunga ed impegnativa.

Lista della spesa

  • 4 albumi
  • 250 g di zucchero semolato
  • 500 ml di panna fresca
  • 1 confezione di more da 125 gr
  • 1 confezione di mirtilli da 125 gr
  • 2 confezioni di lamponi da 125 gr
  • 40/50 g di gocce di cioccolato fondente

 

Cuciniamo

  1. Montare gli albumi a neve insieme a metà dello zucchero semolato, nella planetaria aumentandone pian piano la velocità.
  2. Quando gli albumi inizieranno a “solidificare”, aggiungere lo zucchero restante. Il composto è pronto, quando è bianco sodo e lucido.
  3. Trasferite il composto in una tasca da pasticciere utilizzando una bocchetta larga e liscia, su una placca da forno precedentemente ricoperta di carta da forno, formare due dischi del diametro di circa 20 cm.
  4. Cuocere in forno preriscaldato a 100 °C per circa 2 ore e mezza, quindi sfornate e lasciate raffreddare.
  5. Sciacquare con cura i frutti di bosco ed asciugarli con delicatezza.
  6. Montare la panna, quando i dischi di meringa saranno freddi posizionare il primo disco, sarà la base del dolce, su un  piatto largo meglio se da portata, coprirlo con 1/3 della panna montata, quindi aggiungere i 1/3 dei frutti di bosco e circa la metà delle gocce di cioccolato fondente.
  7. Posizionare sopra alla panna farcita il secondo disco di meringa e decorare con la panna montata, mettere il resto dei frutti di bosco e le gocce di cioccolato.
  8. Riporre la torta in frigo e lasciarla fino al moneto di consumarla.

 

Buon Appetito!!

Ciambellone al cacao con pepe, cannella e confettura

Torta al cacao con pepe, cannella e confettura di pesche
Torta al cacao con pepe, cannella e confettura di pesche

La torta al cacao è un dolce adatto ad ogni occasione, che sia per  una festa o semplicemente per regalarsi una coccola. Se poi c’è una nota piccante nella torta al cacao è anche più buona.

Questo dolce ha una particolarità è l’acqua,  è perfetto per chi è intollerante al lattosio, non contiene latticini. Il gusto ricorda quello dei brownies. Domanda: a chi piacciono i brownies? Beh la risposta è facile : a tutti 😉

Il procedimento è quello della “Torta Nua”, ma io al posto della crema ho utilizzato la confettura di pesche, una confettura che avevo preparato con mandorle e limone. Per ottenere lo stesso mio sapore basta aggiungere alla confettura di pesche due cucchiai di mandorle tritare e qualche goccia di limone.
Ho preparato questa torta anche con la mia crema di banane e limoni, davvero deliziosa in questa versione 😀

 

Lista della spesa per 8 la torta

  • 200 gr di farina manitoba – nella versione con la crema di banane l’ho sostituita con la farina di farro
  • 40 gr di amido di mais
  • 60 gr di cacao in polvere amaro
  • 140 gr di zucchero di canna
  • 3 uova
  • 200 ml di acqua
  • 80 ml di olio di semi
  • 1 bustina di lievito per dolci
  • 1 cucchiaino da tea di pepe nero macinato
  • la punta di cucchiaino da tea di cannella in polvere
  • Burro e farina per lo stampo q. b.
  • zucchero a velo q. b.

Lista della spesa per la farcitura

  • 1/2 barattolo di confettura di pesche
  • 2 cucchiai di mandorle tritate
  • qualche goccia di succo di limone

Cuciniamo

  1. Mettere tutti gli ingredienti, ricorda di setacciare il cacao la farina e il lievito, nel cestello della planetaria, tranne la confettura di pesche, le mandorle e il succo di limone, azionarla e montare per 5-10 minuti.
  2. Accendere il forno e portarlo a 160°.
  3. Imburrare e infarinare uno stampo per ciambellone.
  4. In una ciotola unire la granella di mandorle col limone e la confettura e amalgamarli.
  5. Versare metà impasto nello stampo e aggiungere la confettura a cucchiaiate lungo tutto il giro dello stampo.
  6. Versare sopra il restante impasto e livellare agitando, non sbatterlo su piano di lavoro, delicatamente lo stampo.
  7. Infornare per 40 minuti. Fare la prova stecchino, se la torta è cotta, spegnere il forno e lasciare la torta in forno, con lo sportello aperto, per 2/3 minuti.
  8. Sfornare e far freddare nello stampo, quando è tiepida togliere la torta dallo stampo.
  9. Quando è completamente fredda spolverizzare con lo zucchero a velo.
  10. Servire

Se si serve la torta distanza di ore  spolverizzarla con lo zucchero a velo poco prima di servila, altrimenti lo zucchero verrà assorbito e risulterà molto lucida. Volendo si può spolverizzare due volte, la prima appena fredda e la seconda poco prima di servirla. Il sapore potrebbe risultare più dolce.

Buon Appetito!!

Torta di mele Gluten Free

torta-di-mele-senza-glutine-applepie-cooking-donaLa torta di mele è speciale in qualsiasi sia la versione, che sia la torta classica di mele, l’apple pie, lo strudel di mele (apfelstrudel) o la tarte tatin. Sarà che secondo me tutti i dolci con le mele, nessuno escluso, sono buonissimi. La torta che vi propongo oggi è una torta di mele gluten free con pinoli, scorza di limone e cannella.

Sapevi che esistono circa 7000 varietà di mele? :-O  Sono differenti per origini geografiche e qualità come colore, consistenza, sapore e valori nutrizionali. Sapevi anche che in Kazakistan puoi trovare la mela Aport, un pomo gigantesco che può arrivare a pesare anche a un chilogrammo?? :-O  Beh io quando l’ho scoperto sono rimasta molto colpita.

La mela più adatta alla torta di mele classica è considerata la mela renetta, dal sapore acidulo di colorazione gialla e rugginosa, probabilmente è originaria della Francia. Anche se a mio avviso si può utilizzare qualsiasi varietà di mele che ha in casa, l’unica esclusa è mela verde Granny Smith.

 

 

Lista della spesa per 6 persone

  • 150 g di farina di riso
  • 40 g di farina di grano saraceno
  • 40 g di amido di mais
  • 2 uova
  • 5 cucchiai di zucchero oppure 100 g di zucchero
  • 3 cucchiai di olio di mais
  • 3 cucchiai di liquore – io ho scelto il Caldiff di Roner un’Acquavite di mele Gravensteiner
  • 3 cucchiaini da tea di lievito per dolci
  • 2 e ½ mele
  • 2 cucchiai di pinoli
  • Scorza di un limone tagliata a listarelle
  • Cannella q. b.

Se la torta è preparata per i bambini sostituire il liquore con del succo di mele o del latte. La torta si può servire  sia fredda che calda, in questo caso è una buona idea accompagnarla con della panna montata o la crema pasticcera.

Ho utilizzato uno stampo da 21 cm.

Cuciniamo

  1. Mettere tutti gli ingredienti secchi in una ciotola ed amalgamarli bene.
  2. Nel cestello della planetaria versare le uova intere, lo zucchero quindi montarle.
  3. Aggiungere gli ingredienti secchi un cucchiaio per volta.
  4. Poi aggiungere l’olio e per ultimo il liquore continuando a montare.
  5. Preriscaldare il forno a 160 °
  6. In una ciotola versare le mele tagliate precedentemente a cubetti, i pinoli, la cannella e amalgamarli.
  7. Imburrare uno stampo da 20-21 cm versare  l’impasto e sopra versare le mele condite.
  8. Infornare per 40 minuti, dopo fare la prova stecchino.
  9. Spegnere il forno lasciare la torta in forno con lo sportello aperto per 5 minuti.
  10. Sfornare, togliere la torta dallo stampo e far freddare.

 

Buon Appetito!!

Crema al cioccolato senza uova e Gluten FREE

crema-al-cioccolato-senza-uova-gluten-free-cooking-dona-1
Crema al cioccolato senza uova e Gluten Free

Questa crema al cioccolato senza uova si prepara in pochissimi minuti. È una crema perfetta quando si ha poco tempo a disposizione in quanto si prepara molto velocemente. Ha una preparazione adatta a tutti, può essere considerata un jolly: un vero e proprio asso nella manica in quanto molto versatile, infatti può essere utilizzata come una farcitura per torte, come ho fatto io.

È una crema leggera ed ideale per contenere le calorie e per concedersi una coccola senza avere fastidiosi sensi di colpa

La crema al cioccolato senza uova, grazie alla sua velocità di preparazione, può  diventare uno sbrigativo ed ottimo dolce al cucchiaio, se servita con dei biscotti e granella di nocciole o meringhette oppure con del cioccolato fondente grattuggiato. 

Il sapore di questa crema è quello del cioccolato al latte, mi è piaciuta davvero moltissimo, talmente tanto che mi sarei mangiata la crema cucchiaiata dopo cucchiaiata.

Questa crema al cioccolato senza uova nasce qualche giorno fa,  avevo bisogno di una crema al cioccolato per un dolce. Non avevo le uova in casa, avevo i minuti contati ed ero senza macchina. Sono uscita per comprare le uova , ma nei negozi vicino casa, non ho trovato le uova con codice 0 o 1 e non le ho comprate, poiché le uniche uova che entrano nella mia cucina sono le uova biologiche o da allevamento all’aperto. Ero molto indispettita da questo “inconveniente”, ma come si dice necessità fa virtù, non sapendo come sostituirla ho ideato questa crema al cioccolato senza uova, già che c’ero, invece di utilizzare l’amido di mais o la farina ho scelto una farina senza glutine.

 

Lista della spesa

  • 500 ml di latte – io scremato
  • 80 g di cioccolato fondente al 72 %
  • 40 g di zucchero semolato
  • 60 g di farina di riso

 

Cuciniamo

  1. Grattugiare finemente il cioccolato
  2. Setacciare lo zucchero e la farina di riso
  3. Versare prima il latte in un pentolino poi a pioggia gli altri ingredienti
  4. Mescolare con una frusta fino al raggiungimento del bollore.
  5. Abbassare il fuoco e continuare a mescolare per un paio di minuti .
  6. Spegnere il fuoco ed utilizzare la crema come si desidera.

 

Buon appetito!!

Plumacake ai kiwi e zucchero integrale di canna

plumacake-kiwi-zucchero-di-canna-farina-mais-monococco-00Questo soffice e dietetico  plumcake ai kiwi è davvero perfetto per la colazione e merenda, pochi semplici ingredienti e davvero si fa in 5 minuti, giusto il tempo di far scaldare il forno, non c’è nemmeno bisogno di utilizzare il robot da cucina basta la frusta e una spatola.

E’ un dolce dietetico perché contiene solo un cucchiaio di olio di semi di girasole, e non contiene altri grassi, i liquidi sono inseriti solo attraverso i kiwi frullati.

A seconda di quanto sono maturi i kiwi il dolce risulterà più o meno zuccherino.

Io ho utilizzato uno stampo in silicone, ricorda di impostare sempre la funzione forno statico quando utilizzi uno stampo in silicone per cuocere i dolci

 

Lista della spesa per 1 plumcake

  • 2 uova
  • 100 g di zucchero integrale di canna
  • 1 cucchiaino di bicarbonato (come lievito)
  • 80 g di farina di mais
  • 40 g di farina di Monococco – io Tradizioni Padane
  • 40 g fi farina 00
  • 1 cucchiaio di olio di semi di girasole
  • 2 kiwi piccoli frullati oppure 1 grande

 

Cuciniamo

  1. Accendere il forno impostando 180° e la funzione statico.
  2. Mescolare velocemente le uova con lo zucchero.
  3. Aggiungere amalgamando bene il bicarbonato e le farine setacciate (io uso uno scolapasta).
  4. Aggiungere l’olio e per ultimi i kiwi frullati.
  5. Versare nello stampo (se non usi quello in silicone, prima va imburrato e infarinato)
  6. Infornare per 35 minuti.
  7. Una volta cotto far freddare il dolce e quindi toglierlo dallo stampo.

I tempi precisi di cottura dipendono da forno a forno, quindi fai a tempo ultimato la prova stecchino.

 

Crostata di banane con crema pasticcera e amaretti

crostata-di-banane-con-crema-e-amaretti
Ricetta gustosissima quella della  mia crostata di banane per ottenere il risultato la crostata deve essere ricoperta con un disco di pasta frolla, così diventa una torta con sorpresa, fatta di crema pasticcera, banane e amaretti.

Una crostata, da leccarsi i baffi

Lista della Spesa per 8 persone

Per la Frolla:

  • 300gr di farina
  • 175gr di burro
  • 175 gr di zucchero
  • 1/2 bustina di lievito
  • 2 uova

Per la Crema Pasticcera:

  • 2 uova intere
  • 20gr di maizena
  • 20gr di farina 00
  • 80gr di zucchero
  • 400ml di latte
  • Una scorza di limone ( facoltativa)

Per la Farcitura:

  • 3 banane
  • due manciate di amaretti

Cuciniamo

  1. Versare in una terrina tutti gli ingredienti per la frolla e iniziare ad impastare, quando si saranno amalgamati fra loro e si sarà formata una palla abbastanza dalla grana grossolana passare ad impastare sulla spianatora.
  2. Dopo aver ottenuto un impasto liscio e morbido, stenderlo col matterello dopo aver diviso la pasta in due parti 2/3 serviranno per la base, mentre  1/3 della pasta frolla si utilizzerà per la copertura.
  3. Stendere i 2/3 della la pasta sottile, crescerà anche grazie al lievito, foderare uno stampo precedentemente unto meglio utilizzare quello a cerniera.
  4. In una seconda terrina inserire tutti gli ingredienti per la crema mescolarli in modo fluido (io mi aiuto con uno sbattitore elettrico).
  5. Dopo aver trasferito il composto in un pentolino, mescolando di continuo il composto con una frusta, portate a bollore e spegnere il fuoco, continuando a mescolare per un po’, ricordarsi di togliere la scorsa di limone.
  6. Tagliate a fettine sottili le banane e a parte sbriciolate tutti gli amaretti.
  7. Preparata la crema, versarne poco più della metà sul fondo della base della frolla.
  8. Adagiare sopra la crema le banane e i 3/4 degli amaretti, quindi versare sopra il resto della crema.
  9. Stendete la seconda parte della frolla anch’essa sottile e ricoprendo bene in tutte le parti la crostata.
  10. Spennellare dell’acqua sopra la frolla e versare sopra gli amaretti sbriciolati restanti.
  11. Cuocete a 175° per 45 minuti e servire fredda

I tempi di cottura possono variare da forno a forno, controllare di tanto la cottura. Si consiglia di non aprire il forno prima di 30 minuti per non bloccare la lievitazione.

Trucco: la crostata il giorno dopo è ancora più buona