Patate in umido

Le patate in umido ricordano la cucina dell’infanzia, la cucina della nonna. Questa è una ricetta economica e nei miei ricordi le patate in umido, sono un contorno che  va preparata nelle giornata fredde perché devono essere servite belle calde; ma anche in questo periodo, in cui la sera è più freschetto fa piacere mangiarle. Inoltre se avanzano, il giorno dopo si possono utilizzare come base per una buonissima pasta e patate.

Le patate in umido si possono servire come contorno per uno spezzatino o come ho fatto io con le uova strapazzate.

Questa è una ricetta perfetta per una cena vegana o vegetariana.

Lista della spesa per 2 persone

  • 500 g abbondante di patate
  • 1 barattolo di pomodori a pezzettoni da 400 g – io passata rustica
  • 2-3 cucchiai olio di oliva
  • sale q. b.
  • 1 cipolla dorata
  • 1 costa di sedano
  • 1 carota
  • funghi porcini essiccati a piacere – io ho messo una manciata di funghi e non li ho ammollati nell’acqua
  • Acqua q. b.
  • Peperoncino a piacere – facoltativo

Per un gusto più orientale si può mettere una spolverata si zenzero o curry

 

Cuciniamo

  1. Mondare il cedano e la carota e sminuzzarle, quindi trasferire nel tegame dove c’è l’olio sul fondo ed accendere a fuoco basso il fuoco.
  2. Mondare la cipolla e tagliarla in fettine sottili ed versarle nel tegame.
  3. Aggiungere al soffritto la passata di pomodoro, ed allungare con dell’acqua abbondante.
  4. Pelare le patate tagliatele a pezzettoni e lasciarle a bagno in acqua fredda per almeno 10 minuti, per togliere un po’ di amido, quindi sciacquarle e trasferirle nel tegame.
  5. Mescolare il tutto ed aggiustare di sale
  6. Lasciar cuocere finché le patate sono cotte ma non disfatte, mescolando di tanto in tanto. Nel caso in cui l’acqua viene assorbita, ma le patate non sono cotte, aggiungere dell’acqua calda per non bloccarne la cottura, e procedere in questo modo, finché le patate non saranno cotte.
  7. A metà cottura aggiungere i funghi secchi.
  8. Circa a metà cottura se si desidera, aggiungere le spezie a piacere.
  9. Servire le patate in umido calde.

 

Buon Appetito !!

Annunci

La ricetta del polpettone di pesce al forno

Polpettone di pesce al forno
Polpettone di pesce al forno

Questo polpettone di pesce è una vera e propria ricetta furba, nonché svuotafrigo, inoltre è un modo perfetto per far mangiare il pesce ai bambini, ma anche a tutti coloro che non amano mangiare il pesce a chi non ama il sapore spiccato di mare tipico del pesce. Puoi utilizzare qualsiasi tipo di pesce hai in casa e che preferisci, l’unica accortezza da prendere è utilizzare pesci con spine grandi, in questo modo la pulizia del pesce risulterà più facile e veloce, e non rischi di trovarne quando lo mangi.

Il Polpettone di pesce generalmente è una ricetta che viene immaginata estiva, ma caldo fumante ed appena sfornato secondo me è un buonissimo un piatto invernale.

Fra l’altro il polpettone di pesce cotto al forno è davvero molto facile da preparare e soprattutto molto buono.

La ricetta del polpettone di pesce si può fare con qualsiasi alimento si ha in casa, per questo la chiamo svuotafrigo, io non ho frullato né il pesce né gli altri ingredienti, ho amalgamato tutto a mano, non ho nemmeno ammollato il pane nel latte o nel brodo. In questo modo il polpettone è risultato molto friabile, soprattutto perché per non appesantirlo non ho utilizzato uova, ma nulla ti vieta di frullare tutti gli ingredienti insieme e se lo vuoi aggiungere un uovo 😉 🙂 😀

Un’altra peculiarità di questo piatto è che una prepararto il polettone anche il giorno prima, del resto la comodità dei polpettoni è proprio questa! 😀  😀  😀

Io avevo due orate ed il polpettone non è risultato molto grande, queste quantità vanno bene per 2-3 persone, come portata principale accompagnato con delle patate al forno. Per più persone ti conviene aumentare le dosi 😉

 

Lista della spesa

  • 2 orate
  • 150 g di piselli surgelati (pesati surgelati)
  • 1 carota piccola circa 50 g
  • 4 fette di pane in cassetta – io senza glutine
  • 1 cucchiaio di olio extravergine d’oliva + quello per la terrina
  • Zenzero q. b.
  • 1 – 2 di cucchiai di brodo di pesce
  • 1 cucchiaio di prezzemolo tritato – io surgelato
  • Sale q. b.

 

Cuciniamo

  1. Lessare le orate, quindi pulirle dalla pelle, spinarle e sminuzzarne la carne a mano.
  2. A parte lessare i piselli e la carota che va tagliata a dadini della stessa dimensione dei pisellini, quindi aggiungerli al pesce.
  3. Ammollare il pane nel brodo di cottura delle orate, a cui va aggiunto quello dei piselli e della carota. Io non l’ho fatto ed ho sbriciolato il pane direttamente sul composto.
  4. Quindi aggiungere gli altri ingredienti ed aggiustare di sale, amalgamare bene e dare al composto la forma del polpettone.
  5. Disporre in una terrina l’olio, prima di trasferirvi il polpettone e coprire con un foglio di alluminio.
  6. Cuocere in forno per circa 30 minuti coperto a 160°, poi togliere l’alluminio girare il polpettone e continuare a cuocere per altri 10-15 minuti per farlo dorare, girando un’altra volta il polpettone in questo tempo.
  7. Tagliarlo a fette una volta freddo.
  8. Si può mangiare sia freddo che caldo.

 

Buon Appetito !!

Ricette di Natale: il polpettone vegetariano per la vigilia

Polpettone vegetariano con patate, funghi, broccoli e provola affumicata
Polpettone vegetariano con patate, funghi, broccoli e provola affumicata

Questo polpettone vegetariano è davvero perfetto per la Viglia di Natale o il menù di Natale per chi segue una dieta vegetariana.

Continuo con il filone delle ricette svuotafrigo per Natale e dopo averti proposto l’Antipasto di Natale: pancotto con broccoli e filetto di nasello, oggi ti propongo un secondo vegetariano, il polpettone.

In frigo avevo dei funghi e dei broccoli, pochi per farne una ricetta singola, ma perfetti per renderli coprotagonisti di una ricetta, ho aggiunto le patate e la provola affumicata e delle fette biscottate che si erano sbriciolate ed il piatto è pronto 😉 🙂 😀

Lista della spesa

  • 400 -500 g di patate (a seconda di quanto si voglia far predominare il sapore delle patate)
  • 180 g broccolo compreso il gambo
  • 180 g funghi champignon
  • 280 g di provola affumicata
  • 12 fette biscottate
  • Dado granulare vegetale  q. b. – io il mio qui la ricetta
  • Olio extravergine d’oliva q. b.
  • 1/2 cucchiaio da caffe d’insaporitore al peperone e aglio essiccato – il mio qui la ricetta
  • Sale q. b.

 

Il mio insaporitore è facoltativo, ma conferisce un gusto più pieno al polpettone, puoi sostituire il mio insaporitore con 1/2 peperone tagliato a dadini ed 1 spicchio d’aglio da cuocere insieme ai funghi.

 

Cuciniamo

  1. Lavare e mondare le patate, lessarle e schiacciarle con uno schiacciapatate trasferendole in una capiente insalatiera.
  2. Lavare e mondare i broccoli compresi i gambi e dopo averli tagliati a dadini, lessarli lasciando leggermente indietro la cottura.
  3. Lavare e mondare i funghi, poi cuocerli in una padella con l’olio extravergine d’oliva, il mio insaporitore ed una spolverata di dado granulare vegetale.
  4. Una volta cotti sia i funghi che i broccoli frullarli con assieme alla provola affumicata. Io non li ho omogeneizzati per avere differenti consistenze nel polpettone.
  5. Versare il composto di funghi, broccoli e provola sopra le patate, aggiungere una spolverata di dado granulare vegetale, le fette biscottate sbriciolate.
  6. Impastare tutti gli ingredienti fino a raggiungere un composto omogeneo, se necessario aggiustare di sale, quindi dargli la classica forma del polpettone.
  7. Trasferire il polpettone in una terrina precedentemente unta con dell’olio, coprendo il polpettone e la terrina con un foglio di alluminio.
  8. Cuocere in forno a 160° per 30-40 minuti, quindi scoprire il polpettone, girarlo con cautela per non farlo rompere, continuare a cuocere 15 minuti per far formare la crosticina. Rigirare nuovamente il polpettone, e tenerlo altri 5-10 minuti in forno chiuso dopo averlo spento.
  9. Servire dopo averlo tagliato a fette.

 

Buon Appetito !!

Ricetta svuotafrigo: risotto con minestrone e formaggio

Risotto minestrone e formaggio
Risotto minestrone e formaggio

Il risotto è un primo piatto tipico della cucina italiana, è un piatto estremamente versatile che si presta a numerose ricette dalle più classiche a quelle più fantasiose. Il risotto è uno dei miei piatti che preferisco, soprattutto in una giornata fredda e uggiosa come quella di oggi.

La particolarità di questa ricetta è che è decisamente una ricetta molto economica, una tipica ricetta svuotafrigo. E come tutte le ricette di questa tipologia è buonissima e piena di sapore, fra l’altro è anche molto versatile e personalizzabile a seconda degli ingredienti che abbiamo a disposizione e dei nostri gusti.

Questa ricetta svuotafrigo, nasce per puro caso, avevo del minestrone che mi era avanzato dal giorno prima, non era molto, non era abbastanza per il pranzo. Inizialmente avevo pensato di preparare una minestra aggiungendo altre verdure, tipo il porro o la verza, ma avevo voglia di qualcosa di diverso. Ho pensato quindi di fare un risotto cremoso aggiungendo dei fondi di formaggi misti che avevo da qualche giorno in frigo e che volevo consumare, da qui nasce questo delizioso risotto con minestrone e formaggio.

Non so a te ma a me le ricette svuotafrigo riservano delle buonissime sorprese, ogni volta infatti risultano molto gustose e piene di fantasia. Infatti modificando le verdure del minestrone ed i formaggi il risotto con minestrone e formaggio risulta sempre differente.

 

Lista della spesa per 2 persone

 

  • 80 g di riso a persona – io ho utilizzato un riso integrale
  • 1 piatto fondo di minestrone – io senza legumi
  • formaggi misti a piacere – io ho usato della toma piemontese a pasta semimorbida ed una toma stagionata
  • Sale q. b.
  • Pepe q. b.
  • 1 cucchiaio di olio evo
  • Brodo vegetale q. b.

 

Cuciamo

  1. Versare l’olio evo in una padella larga.
  2. Versare il riso e tostarlo.
  3. Aggiungere il minestrone, poi aggiungere il brodo vegetale.
  4. Durante la cottura aggiustare di sale.
  5. A cottura quasi ultimata, aggiungere il formaggio una parte grattuggiato ( se la pasta lo consente) ed una parte a dadini.
  6. Mantecare il risotto, a fine cottura spolverizzare col il pepe.
  7. Servire caldo.

 

Buon Appetito !!

Ricetta svuotafrigo: Passato di verdure con limone e Maasdammer

passato-di-verdure-ricetta-svuotafrigo-cooking-dona
Passato di verdure ricetta Svuotafrigo

Cos’è una ricetta svuotafrigo? È una ricetta che si prepara con gli avanzi di cibo, ma anche con piccoli quantitativi di un ingrediente che è rimasto nel nostro frigo per qualche giorno di troppo ed anche come avanzi da ricette precedenti.

Le ricette sfuotafrigo generalmente possono essere preparate con tutti gli ingredienti, generalmente di utilizzano affettati, formaggi, verdure o frutta, ma anche biscotti (io ho un barattolo di vetro a cerniera dove tengo tutte le briciole o pezzetti di biscotto), cioccolata, ho anche utilizzato gli avanzi di farine differenti per svuotare i barattoli.

Molto spesso per evitare gli sprechi e svuotare il frigo nascono delle ricette che in modo totalmente inaspettato risultano davvero molto gustose e piene di fantasia.

In questo caso avevo dell’insalata da qualche giorno, rimandavo sempre ad includerla nel pranzo o nella cena, perché sta iniziando a scendere la temperatura ed inizio a preparare creme e zuppe, oggi per non sprecarla ho deciso di cuocerla e preparare un passato di verdure.

Ho preparato il passato di verdure con insalata gentilina ed iceberb, carote e il succo di mezzo limone. Questo passato di verdure è perfetto per chi ama i sapori amarognoli, per ingentilirne il gusto ho aggiunto una dadolata di Maasdammer.

Le dosi e gli ingredienti possono essere modificati a seconda di cosa si ha in frigo

Lista della spesa per 4 persone

  • 1 cespo di insalata gentilina piccolo oppure 1/2 grande
  • 1/4 di cespo d’insalata iceberg
  • 2 carote
  • Il succo di mezzo limone
  • Maasdammer a piacere – io ho utilizzato il fondo di una fetta
  • 1 spicchio d’aglio
  • 1 cipolla dorata
  • Una spolverata di dado vegetale granulare per insaporire – io il mio
  • Coriandolo in polvere – io Cannamela
  • Olio evo 3 cucchiai
  • Basilico tritato a piacere per guarnire
  • Sale se necessario
  • 600 ml di acqua

 

Cuciniamo

Per una versione più saporita:

  1. Preparare in una padella dai bordi alti un soffritto con olio, l’aglio e la cipolla tagliati a fettine e le carote tagliate a rondelle.
  2. Quindi aggiungere tutta l’insalata lavata, ma non asciugata tagliata a fettine, coprire col coperchio e lasciar cuocere.
  3. Quando l’insalata è appassita aggiungere l’acqua, il dado granulare vegetale, il succo di limone il coriandolo e l’olio evo, lasciar cuocere a fuoco vivo per 5-10 minuti, poi frullare con un frullatore ad immersione.
  4. Tagliare a dadini piccoli il Maasdammer.
  5. Spegnere il fuoco, versare nei piatti fondi aggiungere il Maasdammer, il basilico precedentemente tritato, un giro d’olio evo e servire

 

Per una versione più leggera

  1. Versare l’insalata, l’aglio, la cipolla e il dado granulare vegetale in un tegame  assieme all’acqua e far cuocere, quando l’insalata è appassita aggiungere il coriandolo e il succo di limone.
  2. Far cuocere per circa 10 minuti e frullare con un frullatore ad immersione, aggiungere un po’ d’olio evo e far insaporire.
  3. Nel frattempo tagliare a dadini piccoli il Maasdammer.
  4. Spegnere il fuoco, versare nei piatti fondi aggiungere il Maasdammer, il basilico precedentemente tritato, un giro d’olio evo e servire.

 

Buon Appetito !!

Ricetta svuotafrigo: Torta di pere decana con biscotti secchi cioccolato e yogurt

 

Carissime Amiche mie, oggi vi voglio presentare la ricetta per una torta fatta recuperando il fondo del barattolo dei biscotti secchi per la colazione, onestamente non mi andava proprio di buttarli e con 4 pere molto mature.

Oggi dovevo / volevo fare una torta per la merenda a scuola per la mia bimba speciale e sinceramente non avevo proprio voglia di fare una torta classica… direte voi ma quando mai tu fai cose classiche e tradizionali?

Bè non ci crederete, ma a volte capita anche a me, è anche vero che mi piace proporvi sapori e accostamenti particolari ed originali, e questa mia torta di recupero è uno di quei casi JJ

Di semplicissima realizzazione e dal gusto davvero particolare J……. Ma vediamo come si fa e cosa serve!!
INGREDIENTI

  • 150 gr farina tipo 0
  • 150 gr farina di semola
  • 150 gr di zucchero
  • 80 gr di olio di semi
  • 54 gr di latte
  • 1 bustina di lievito
  • 63 gr di biscotti secchi sbriciolati io ho usato due tipi di biscotti quelli al cioccolato e quelli allo yogurt
  • 4 pere molto mature
  • burro e farina di semola per lo stampo
PREPARAZIONE
  1. Mettere tutti gli ingredienti tranne le pere e i biscotti  nel cestello dello sbattitore elettrico e iniziare a montare prima con una velocità bassa, aumentandola gradualmente.
  2. Nel frattempo sbucciare e tagliare le pere a dadoni (se sono molto mature risulteranno molto morbide e succose) versatele nel cestello a piano avendo cura di attendere che le pere vengano incorporate e sminuzzate dalle pale in funzione.
  3. Quando le pere saranno tutte amalgamate versate i biscotti secchi sbriciolati e continuate a montare.
  4. Imburrate e infarinate uno stampo, io ho scelto quello da 24 cm e accendete il forno a 175°, versate il composto nello stampo e quando il forno avrà raggiunto la temperatura infornate per 30 minuti. Quindi spegnete il forno e lasciate in forno per altri  minuti.
Utilizzando molte pere la torta risulterà umida, la prova stecchino è di fondamentale importanza ^^
Sfornate e servite tiepida o fredda….. dopo averla spolverata se lo volete con lo zucchero a velo…. GNAM GNAM GNAM JJ J J