Dolci di Carnevale: Caramelle dolci di pasta con cioccolato fuso, aceto balsamico e zucchero

Ehy è Carnevale ed i suoi dolci sono una di quelle meravigliose tradizioni a cui non si può rinunciare. Certo è che il Carnevale è una festa ricchissima di dolci, e sono tutti uno più buono dell’altro.

Qui e Qui trovi le mie ricette delle Frappe o Chiacchiere o Bugie

Questa è una ricetta per tutti, anche per coloro che si definiscono negati per la cucina, con questa ricetta non ci sono scuse!!

Caramelle dolci di pasta ripiene di ricotta e cacao sono semplicemente fantastiche in queste due ricette che mio marito ha ideato per noi!!


Qui trovi il metodo per temperare il cioccolato

Lista della spesa unica per le due ricette

 

 

Cuciniamo

 

  1. Mettere a bollire abbondante acqua quando bolle aggiungere lo zucchero quindi le Caramelle di pasta  e cuocerle seguendo i tempi di cottura riportati sulla confezione.
  2. Nel frattempo sciogliere il cioccolato, meglio se viene temperato così mantiene la lucentezza.
  3. Una volta sciolto il cioccolato dividerlo a metà versandolo in due differenti ciotole.
  4. Nella prima aggiungere l’aceto balsamico e mescolare bene.
  5. Una volta cotta la pasta scolarla e aggiungerla dividendola in parti uguali nelle due insalatiere ed amalgamare bene la pasta col cioccolato.
  6. Impiattare i due differenti tipi di pasta.
  7. Sulla pasta con il solo cioccolato dopo averla impiattata aggiungere le gocce di cioccolato bianco e spolverizzare di zucchero a velo
  8. Servire entrambe le versioni.

Buon Appetito!!

Annunci

Dolci di Carnevale chiamali come vuoi: Frappe, Chiacchiere o Bugie

Uno dei dolci più famosi Carnevale sono le Frappe o ChiacchiereBugieCenciCrostoliIntrigoniGalani… come preferite chiamarle, non so a voi ma questo mi diverte moltissimo! 
Preparare i classici dolci di Carnevale è uno dei momenti più divertenti di questo periodo per me, qui sotto troverete il segreto per avere delle Frappe fragranti e friabili sono:
1  Tirare la pasta molto sottilese avete un mattarello con spessore regolabile, raggiungete lo spessore 0.

2  Mettere l’impasto a riposare in frigo coperto da pellicola per circa una mezz’ora.

In questa ricetta ho usato farina di farro invece della tradizionale farina di frumento e Acquavite di pere Williams

Lista della spesa

Tempi di preparazione: 10 minuti  + 30 minuti di riposo

Cuciniamo

1 – Mettere tutti gli ingredienti nel mixer quando l’impasto è pronto farlo riposare in frigo per circa 30 minuti .

 Tirare la pasta sottilissima, tagliarla a rettangoli.
 Friggere pochi rettangoli alla volta in abbondante olio caldoscolare bene le frappe su carta assorbente, quindi spostarle su un piatto da portata e cospargere con zucchero a velo.
 Servire
Buon Appetito, Buon Carnevale  😉

NUOVO SITO COOKINGDONA.WORDPESS.COM

NUOVO SITO PER COOKING DONA
DA OGGI NON AGGIORNERO’ PIU’ QUESTO BLOG, SE VUOI CONTINUARE A SEGUIRMI VIENI A TROVARMI SU
TROVERAI TANTE RICETTE NUOVE ED APPROFONDIMENTI SU QUELLE CHE GIA’ CONOSCI.

TROVERAI ANCHE NUOVI PROGETTI E NUOVI INTERESSANTISSIME TEMATICHE

Ti Aspetto 😀 😀 😀

Frappe o chiacchiere al liquore alla mela verde

 

Con la RONER vi porto a fare un bel viaggio, fra magia alambicchi e alchimia, si avete capito parliamo di acqueviti e grappe, ma anche di liquori, faremo un viaggio che dall’Alto Adige ci porterà in un luogo floreale e  speziato evocativamente profumato che sa di mele pere lamponi e cioccolato, una nota che crea l’atmosfera, una nota che morbida e soffice una nota che porta a ricordi di alberi da frutto, di montagne e campagne, mentre si sorseggia un’acquavite o un liquore davanti al caminetto o leggendo un buon libro o vedendo un bel film con la migliore compagnia.

 

Questa è la RONER una distilleria italiana di Termeno in provincia di Bolzano, un’azienda porta nelle nostre case magia profumi e sogni, la dolce Christina mi ha aperto un mondo che devo dire non conoscevo molto, anzi devo dire che non conoscevo per nulla, mi era totalmente sconosciuto; l’acquavite l’avevo sempre vista con distacco e forse anche con un po’ di sospetto, ma poi le sue parole hanno rotto il muro che mi separava da loro    i distillati sono delle primedonne da trattare con guanti e delicatezza “    questa descrizione mi ha aperto gli occhi sui distillati, li avevo sempre snobbati e sbagliando non gli avevo mai dato la giusta importanza ed è per questo che io e i distillati non riuscivamo a capirci e a piacerci, e poi ecco basta una piccola frase e le tensioni spariscono e una grande stima e comprensione nasce fra di noi perché in effetti le acqueviti sono come una bella donna vanno coccolate e apprezzate perché dentro di loro portano un grande mistero, il mistero del tempo e della dedizione già le prime distillazioni risalgono addirittura  al 500°a. C in Mesopotamia, dove la famosa Ipazia di Alessandria pare abbia inventato una delle prime macchine per distillazione da allora tempo e tecniche si sono susseguite passando per conventi e montagne fino al 1946 quando Gottfried Roner cominciò a distillare, posizionando un primo alambicco nella casa di famiglia iniziando la produzione delle grappe in seguito ne posizionò un secondo e iniziò a distillare la frutta, la seconda generazione  trova con Andreas e Guenther Roner uno momento di grande sviluppo e crescita ma è con la terza generazione (quella attuale) condotta da Karin Roner che l’azienda si sviluppa ancora di più con un altro ampliamento e raggiunge il massimo riconoscimento, fra gli altri, quello di DISTILLATORE DELL’ANNO 2010
Oggi vi parlo del liquore alla mela verde POMMÈ RONER, un liquore che profuma e sa di mele verdi appena colte, davvero buono che risulta dolce e soffice al gusto e al palato.
Fan Page: Facebook

Siamo nella settimana di Carnevale e io per la prima volta nella mia vita ho ceduto alla tentazione ed ho fatto uno dei dolci di questo periodo più buoni, fra l’altro sono dei dolci che hanno tanti nomi divertenti uno per ogni zona d’Italia e così abbiamo le chiacchiere le bugie o come le chiamiamo dalle mie parti le Frappe, siamo però anche in prossimità di San Valentino una festa a me molto cara e così la versione di Frappe che propongo è molto romantica e dal gusto particolare…. Le Frappe al gusto Pommè.
Ecco la ricetta!
INGREDIENTI
2 uova
280 g di farina 00, se l’impasto dovesse risultare appiccicoso aggiungere farina
1 bicchierino e mezzo di liquore Pommè RONER
50 g di zucchero
25 g di farina
1 bustina di vaniglina
Colorante ROSSO in gel
Olio di semi per la frittura
PROCEDIMENTO
Preparare una fontana con la farina in cui metterete le uova, lo zucchero, il liquore, il burro e la vaniglina e iniziare ad impastare, ottenuto l’impasto dividetelo a metà e adagiate una metà da una parte, nell’altra mettete un po’ di colorante rosso in gel e iniziate ad impastare, in modo da ottenere una pasta marmorizzata. Stendete la pasta e con un cutter a forma di cuore fare i cuori.
Nel frattempo mettete a scaldare in un tegame dai bordi alti abbondante olio di semi, quando sarà caldo versate i cuori e friggeteli, quando saranno cotte fate raffreddare le frappe su carta assorbente per togliere l’olio in eccesso e una volta fredde cospargete di zucchero a velo.
Buon Appetito, Buona Carnevale e Buon San Valentino 😉