Torta al cioccolato e cannella in tazza, cotta al microonde

Torta al cioccolato e cannella in tazza, cotta al microonde
Torta al cioccolato e cannella in tazza, cotta al microonde

La mia versione della torta in tazza cotta al microonde è senza uovaolioburro. La ricetta base sono solo 5 ingredienti, farina, cacao amaro, zucchero, latte, lievito per dolci, che poi sono gli ingredienti per la cioccolata calda, con l’aggiunta del lievito per dolci.  A questi se vuoi puoi aggiungere gli aromi, io ho aggiunto la cannella, che mi piace moltissimo e che metto ovunque, ma puoi aggiungere lo zenzero, scorza d’arancia, scorza di limone, gocce di cioccolato, peperoncino, zucchero a velo o quello che ti ispira la tua fantasia.

La torta in tazza quando l’ho vista la prima sul web, mi ha lasciata un pochino perplessa, poi guardando i video pian piano ho detto, quasi quasi una volta o l’altra la faccio… oggi ho ceduto ed è stata quella volta. 😉 Beh, mi è piaciuta! Mi ricorda il sapore della cioccolata calda, ha una consistenza spugnosa e si, mi è piaciuta. Molto!

In soli 5 minuti cottura compresa hai la tua torta light, per le giornate così così e per le giornate fredde o semplicemente perché hai una voglia irrefrenabile di torta al cioccolato. 😀

L’unica accortezza che devi avere è rispettare fedelmente le dosi, per avere un risultato ottimale ed utilizzare una tazza adatta per il microonde.

 

Lista della spesa

  • 2 cucchiai di farina – io Manitoba
  • 1 cucchiaio di cacao amaro – io biologico
  • 2 cucchiai rasi di zucchero
  • 10 cucchiai di latte – io scremato
  • 1 pizzico di lievito
  • Cannella a piacere
  • Zucchero a velo q. b.

 

Cuciniamo

  1. In una tazza per microonde versare tutti gli ingredienti tranne lo zucchero a velo.
  2. Mescolare bene, se necessario aggiungere un po’ di latte, il composto deve avere la consistenza di una cioccolata calda densa.
  3. Posizionare la tazza nel microonde ed azionarlo a 800 Watt per 2 minuti, io l’ho fatto andare per 1 minuto e 50 secondi a 900 Watt.
  4. Una volta tolta dal microonde spolverizzarla con lo zucchero a velo.
  5. Servire la torta calda.

ATTENZIONE: Se l’impasto durante la cottura sembra uscire fuori dalla tazza, io consiglio di NON aprire il microonde perché una volta cotta la torta si affloscia. Nel caso in cui, a fine cottura l’impasto esca dalla tazza vuol dire che c’era troppo impasto rispetto alla grandezza della tazza. 

 

Buon Appetito !!

Biscotti di pan di spagna al sesamo

Biscotti di pan di spagna
Biscotti di pan di spagna

Il pan di spagna è la base per dolci perfetta, perché si può farcire in ogni modo, per ottenere delle buonissime torte per festeggiare compleanni, anniversari o per occasioni speciali. Ma la signora Maria la mamma della mia amica Emma lo bruscava, ottenendo degli squisiti biscotti di pan di spagna per la colazione. Ricordo che quando andavo a casa sua sentivo questo profumo nell’aria che faceva sempre festa.

Qualche giorno fa stavo giusto pensando al dolce per la colazione da preparare, mi è tornato in mente quel ricordo, così mi sono detta: “preparo il pan di spagna e lo biscotto!”

In questo periodo amo moltissimo il sapore del sesamo, lo metto in tutte le ricette sia dolci che salate, di conseguenza è finito anche nel pan di spagna.

Il pan di spagna al sesamo ha un sapore molto particolare mi piace moltissimo “inzuppato” nel latte… dopo averlo biscottato è ancora più buono 😀 😀 😀

 

Lista della spesa

  • 3 uova – io biologiche
  • 120 g di zucchero
  • 110 g di farina di farro
  • 40 g di amido di mais
  • 1 cucchiaino semi di sesamo – io biologici
  • La punta di cucchiano di lievito

 

Cuciniamo

  1. Montare a lungo le uova con lo zucchero per almeno 10 minuti.
  2. Aggiungere le farine e il lievito dopo averli setacciati per almeno altri 5 minuti.
  3. Accendere il forno e portarlo a 170° in modalità statica.
  4. Versare l’impasto in uno stampo a ciambella io ho usato quello in silicone ( se si usa un altro tipo di stampo, imburrarlo ed infarinarlo)
  5. Infornare e cuocere per 30 minuti, dopo aver fatto la prova stecchino, sfornare il pan di spagna.
  6. Spostare il pan di spagna su un tagliere e formare delle fettine di circa 2,5 cm l’una.
  7. Rivestire una placca da forno con della carta forno, posizionarci sopra le fettine di pan di spagna ed infornare nuovamente, questa volta a 180°.
  8. Dopo circa 5 minuti girare le fettine di pan di spagna, continuare a cuocere finché non risultano dorate.
  9. Spegnere il forno lasciando i biscotti di pan di spagna al suo interno, dopo qualche minuto aprire il forno e sfornarli, se i biscotti di pan di spagna sono croccanti come si desidera.
  10. Una volta freddi riporre i biscotti in una scatola di metallo, in questo modo si manterranno a lungo.

 

Se hai degli avanzi di pan di spagna puoi infornarli nuovamente e biscottarli, sono un dolce buonissimo per la colazione e non si spreca nulla.

Inoltre eliminando tutta l’umidità dura di più e risulta più leggero.

 

Buon Appetito !!

Crostata: pasta frolla al caffè, crema di banane e cioccolato fondente

Crostata: pasta frolla al caffè, crema di banane e cioccolato fondente
Crostata: pasta frolla al caffè, crema di banane e cioccolato fondente

La crostata è uno dei dolci che mette d’accordo tutti quanti, qualunque sia la farcitura, confettura, cioccolato, crema pasticcera o come in questo caso con cioccolato fondente e crema di banane, la mia con limoni sesamo e pepe 😀 qui trovi la mia ricetta  😉

È da un po’ di tempo che avevo in mente di preparare una crostata con pasta frolla al caffè, inoltre volevo anche preparare una crostata con la crema di banane. Ebbene l’abbinamento è davvero notevole!!
La pasta frolla al caffè è risultata una vera e propria rivelazione, in più la semola rimacinata e la farina di mais rendono leggermente sabbiosa la frolla.
Fra l’altro il mais dona alla pasta frolla un allegro color giallo polenta, non c’è bisogno di spennellare la pasta frolla con l’uovo per farla dorare.

Inoltre il risultato è una frolla molto interessante anche per preparare dei gustosi biscotti.

Qui trovi la ricetta della mia crostata con banane, crema pasticcera ed amaretti

Lista della spesa per la pasta frolla

  • 100 g di farina di Monococco – io Tradizioni Padane
  • 100 g di farina di tipo 0
  • 50 g di semola rimacinata
  • 50 g di farina di mais tipo fioretto
  • 190 g di zucchero
  • 1 uovo – io biologico
  • 90 g di burro chiarificato
  • 1 espresso – io decaffeinato

Lista della spesa per la farcitura

  • 30-40 g di cioccolato fondente – io Toscano Black 63% di Amedei
  • 3 cucchiai di crema di banane
  • Latte (io scremato) q. b. per ammorbidire la crema di banane

 

Cuciniamo

 

  1. Prima di tutto setacciare tutti i tipi di farina, poi preparare un espresso e tagliare il burro in piccoli quadratini.
  2. Versare nel cestello della planetaria tutti gli ingredienti, impastare con il gancio per gli impasti finché non si forma una palla.
  3. Accendere il forno e portarlo a 170° in modalità statica.
  4. Spostare l’impasto nello stampo, io ho usato uno stampo da 26 cm in silicone, se si utilizza uno stampo di differente materiale va precedentemente imburrato ed infarinato.
  5. Lavorare l’impasto con le mani stendendolo fino a raggiungere in altezza più della metà dei bordi dello stampo.
  6. Sminuzzare il cioccolato con un coltello e versarlo sull’impasto.
  7. Ammorbidire la crema di banane con il latte e versarla sul cioccolato, livellandola bene per tutta la superficie dell’impasto.
  8. Abbassare i bordi della frolla su se stessa ed infornare per 25 minuti, dopo alzare la temperatura del forno fino a 200° spegnere il forno dopo 5 minuti e lasciar lo stampo nel forno con lo sportello aperto per circa 10 minuti, dopo sfornarla farla freddare completamente prima di toglierla dallo stampo.
  9. Servire fredda.

 

Buon Appetito!!

 

Dolci per la colazione: il plumcake di farro

Plumcake di farro perfetto per la colazione
Plumcake di farro perfetto per la colazione

La farina di farro dona a questo plumcake il caldo color nocciola e l’aspetto rustico, vedendolo mi ricorda le belle colazioni che passavo nella mia amata Umbria. È un dolce perfetto per la colazione poiché risulta molto saporito e soprattutto è adatto all’inzuppo. 😀 Si lo so non è molto chic, ma cosa c’è di meglio che inzuppare una fetta di plumcake nel caffellatte la mattina appena svegli? 😉

Inoltre cosa da non trascurare assolutamente il plumcake di farro, oltre ad essere semplice e veloce da preparare, si presta anche come base perfetta per altri dolci.

Ma sai da cosa deriva il nome Plumcake? Questo è un dolce di origine inglese a base di farina, uova, zucchero e burro. Spesso ha l’aggiunta di spezie e liquori ed è arricchito con frutta secca oppure candita. In Inghilterra viene servito a fette assieme al tè delle cinque. Anticamente in Inghilterra come ingrediente di questo dolce si usavano le prugne secche, da qui il suo nome plum (prugne) cake ( torta o dolce) o plumcake. Nei paesi anglosassoni oggigiorno il plumcake è chiamato fruitcake, mentre il nome plum cake negli Stati Uniti è utilizzato per le torte alle prugne.

Lista della spesa

 

Cuciniamo

Montare le uova con lo zucchero nella planetaria, aggiungere il lievito e la farina a cucchiaiate dopo averla setacciata, quindi il burro ammorbidito spezzettandolo con le mani, a questo punto aggiungere l’acquavite e l’acqua.

Accendere il forno nella funzione statico e portarlo a 170°

Nel frattempo imburrare uno stampo da plumcake grande (io ne ho usati due piccoli) infarinarlo e versare il composto nello stampo, infornare per 25/30 minuti, fare la prova stecchino prima di sfornare il plumcake.

Togliere il dolce dallo stampo e farlo freddare su una gratella

Buon Appetito !!

Una curiosità sul Geist di Lamponi

Waldhimbeergeist

Nota olfattiva: Fruttata
Gusto: Amabile
Descrizione organolettica: lamponi
Abbinamenti: cioccolato fondente, formaggi freschi e delicati, caffè
Occasione: Classico, Fine Pasto
Premi vinti: 2010 ISW – Intern. Spirituosen Wettbewerb – Silber    2009 ISW – Intern. Spirituosen Wettbewerb – Gold   2009 Concorso internazionale Acquaviti d’oro – Silver   2005 ISW – Intern. Spirituosen Wettbewerb – Silber
Gradazione: 40°
Invecchiamento: 1 anno in recipienti inox Temperatura di servizio: 5°C

La Torta Pavlova per chi ama la panna le meringhe e i frutti di bosco

Torta Pavlova con frutti di bosco e gocce di cioccolato
Torta Pavlova con frutti di bosco e gocce di cioccolato

La famosa Torta  Pavlova è una torta tipica della Nuova Zelanda e dell’Australia. La tradizione vuole la nascita di questa torta in un hotel di Wellington in Nuova Zelanda il cui chef nel 1926 avrebbe creato questa magnifica torta per la ballerina russa Anna Pavlova, che negli anni ’30 era  aveva fatto una tournée in Australia e Nuova Zelanda, si dice che questo chef rimase talmente affascinato dalla bellezza di questa ballerina che volle inventare questo etereo dolce in suo onore .
Tuttavia l’attribuzione non è totalmente accertata e alcuni tendono a portare nello stesso periodo la creazione di questa torta in Australia.

La torta Pavlova, una torta nella sua versione originale fatta di meringa, crema pasticcera panna e lamponi, io in questo post vi darò la mia versine della Mia Torta Pavlova senza crema pasticcera.
Questa torta, dall’apparenza davvero eterea e sublime, è molto ambiziosa sia alla vista sia quando si assapora boccone dopo boccone.

La consistenza risulta in bocca quasi impalpabile, difatti la sua caratteristica è che si scioglie ad ogni boccone, è così friabile e soffice che se dovessi descrivervi la sensazione che provo mangiando la Pavlova direi che è un po’ come gustare candide nuvole, si avete letto bene proprio nuvole, perché solo le nuvole mi ricordano la sensazione che provo quando mangio questa torta che non smentisce la sua fama e risulta veramente eterea e sublime quasi come una ballerina di danza classica.

Se come me amate le meringhe la panna e la frutta questa torta non può mancare nei vostri menù delle grandi occasioni.

Per la preparazione di questa torta è indispensabile l’utilizzo di fruste elettriche, meglio ancora se avete a disposizione una planetaria. Montare gli albumi a mano non solo risulta molto più faticoso, ma oltretutto si rivelerebbe una preparazione decisamente lunga ed impegnativa.

Lista della spesa

  • 4 albumi
  • 250 g di zucchero semolato
  • 500 ml di panna fresca
  • 1 confezione di more da 125 gr
  • 1 confezione di mirtilli da 125 gr
  • 2 confezioni di lamponi da 125 gr
  • 40/50 g di gocce di cioccolato fondente

 

Cuciniamo

  1. Montare gli albumi a neve insieme a metà dello zucchero semolato, nella planetaria aumentandone pian piano la velocità.
  2. Quando gli albumi inizieranno a “solidificare”, aggiungere lo zucchero restante. Il composto è pronto, quando è bianco sodo e lucido.
  3. Trasferite il composto in una tasca da pasticciere utilizzando una bocchetta larga e liscia, su una placca da forno precedentemente ricoperta di carta da forno, formare due dischi del diametro di circa 20 cm.
  4. Cuocere in forno preriscaldato a 100 °C per circa 2 ore e mezza, quindi sfornate e lasciate raffreddare.
  5. Sciacquare con cura i frutti di bosco ed asciugarli con delicatezza.
  6. Montare la panna, quando i dischi di meringa saranno freddi posizionare il primo disco, sarà la base del dolce, su un  piatto largo meglio se da portata, coprirlo con 1/3 della panna montata, quindi aggiungere i 1/3 dei frutti di bosco e circa la metà delle gocce di cioccolato fondente.
  7. Posizionare sopra alla panna farcita il secondo disco di meringa e decorare con la panna montata, mettere il resto dei frutti di bosco e le gocce di cioccolato.
  8. Riporre la torta in frigo e lasciarla fino al moneto di consumarla.

 

Buon Appetito!!

Ciambellone al cacao con pepe, cannella e confettura

Torta al cacao con pepe, cannella e confettura di pesche
Torta al cacao con pepe, cannella e confettura di pesche

La torta al cacao è un dolce adatto ad ogni occasione, che sia per  una festa o semplicemente per regalarsi una coccola. Se poi c’è una nota piccante nella torta al cacao è anche più buona.

Questo dolce ha una particolarità è l’acqua,  è perfetto per chi è intollerante al lattosio, non contiene latticini. Il gusto ricorda quello dei brownies. Domanda: a chi piacciono i brownies? Beh la risposta è facile : a tutti 😉

Il procedimento è quello della “Torta Nua”, ma io al posto della crema ho utilizzato la confettura di pesche, una confettura che avevo preparato con mandorle e limone. Per ottenere lo stesso mio sapore basta aggiungere alla confettura di pesche due cucchiai di mandorle tritare e qualche goccia di limone.
Ho preparato questa torta anche con la mia crema di banane e limoni, davvero deliziosa in questa versione 😀

 

Lista della spesa per 8 la torta

  • 200 gr di farina manitoba – nella versione con la crema di banane l’ho sostituita con la farina di farro
  • 40 gr di amido di mais
  • 60 gr di cacao in polvere amaro
  • 140 gr di zucchero di canna
  • 3 uova
  • 200 ml di acqua
  • 80 ml di olio di semi
  • 1 bustina di lievito per dolci
  • 1 cucchiaino da tea di pepe nero macinato
  • la punta di cucchiaino da tea di cannella in polvere
  • Burro e farina per lo stampo q. b.
  • zucchero a velo q. b.

Lista della spesa per la farcitura

  • 1/2 barattolo di confettura di pesche
  • 2 cucchiai di mandorle tritate
  • qualche goccia di succo di limone

Cuciniamo

  1. Mettere tutti gli ingredienti, ricorda di setacciare il cacao la farina e il lievito, nel cestello della planetaria, tranne la confettura di pesche, le mandorle e il succo di limone, azionarla e montare per 5-10 minuti.
  2. Accendere il forno e portarlo a 160°.
  3. Imburrare e infarinare uno stampo per ciambellone.
  4. In una ciotola unire la granella di mandorle col limone e la confettura e amalgamarli.
  5. Versare metà impasto nello stampo e aggiungere la confettura a cucchiaiate lungo tutto il giro dello stampo.
  6. Versare sopra il restante impasto e livellare agitando, non sbatterlo su piano di lavoro, delicatamente lo stampo.
  7. Infornare per 40 minuti. Fare la prova stecchino, se la torta è cotta, spegnere il forno e lasciare la torta in forno, con lo sportello aperto, per 2/3 minuti.
  8. Sfornare e far freddare nello stampo, quando è tiepida togliere la torta dallo stampo.
  9. Quando è completamente fredda spolverizzare con lo zucchero a velo.
  10. Servire

Se si serve la torta distanza di ore  spolverizzarla con lo zucchero a velo poco prima di servila, altrimenti lo zucchero verrà assorbito e risulterà molto lucida. Volendo si può spolverizzare due volte, la prima appena fredda e la seconda poco prima di servirla. Il sapore potrebbe risultare più dolce.

Buon Appetito!!

Torta al limone e fiocchi d’avena, perfetto per la tua colazione!

Torta al limone e fiocchi d'avena con un buonissimo mix di farine
Torta al limone e fiocchi d’avena con un buonissimo mix di farine

Le ricette per preparare le torte della colazione e la merenda non bastano mai, e si è sempre alla ricerca di ricette nuove e gustose e nutrienti, la torta al limone e fiocchi d’avena è un mix di farine dal sapore semplice ma molto gustoso. Non so a voi, ma a me capita regolarmente di avere nella dispensa dei rimasugli di farine nei barattoli di vetro.

Io tengo tutte le mie farine nei barattoli di vetro si mantengono meglio e durano di più 😉

 

Lista per la spesa

  • 3 uova
  • 180 gr di zucchero
  • 160 gr di olio di semi di girasole
  • 100 gr di latte
  • 55 gr di succo di limone fresco o il succo di un limone intero
  • 80 gr di farina di Monococco Shebar – io Tradizioni Padane
  • 80 gr di farina di Segale
  • 80 gr di farina di Riso
  • 60 gr di farina 00
  • 30 gr di fiocchi di Avena
  • La scorza grattugiata di un limone
  • 1 bustina di lievito per dolci – io senza vaniglina
  • 1 pizzico di bicarbonato
  • 1 cucchiaio di zucchero di canna

 

Cuciniamo

  1. Montare le uova con lo zucchero e la scorza grattugiata del limone.
  2. Aggiungere il bicarbonato e il lievito.
  3. Aggiungere le farine, l’olio, il latte e il succo di limone.
  4. Accendere il forno e portarlo a 170°.
  5. Versare il composto nello stampo dopo averlo imburrato ed infarinato, io ho utilizzato uno stampo in silicone quindi ho omesso questo passaggio.
  6. Spolverizzare la superficie del dolce con i fiocchi l’aveva e lo zucchero di canna.
  7. Infornare e cuocere per 40 minuti.
  8. Sfornare dopo la prova stecchino, e togliere dallo stampo dopo qualche minuto.

 

TRUCCO PER CHI USA GLI STAMPI AL SILICONE: Per un dolce cotto a puntino con lo stampo al silicone, utilizza la funzione forno statico con una cottura a 170°, poggia lo stampo su una teglia dalla superficie piena e non sulla grata, forma quei brutti vuoti nel dolce. 40 minuti è un tempo generalmente sufficiente per la cottura di un dolce al silicone, ma ricorda di fare sempre la prova stecchino.

 

Buon Appetito!!

Crostata SALVA DESSERT con banane, biscotti secchi e scaglie di cioccolato gianduia

Arrivano gli amici all’improvviso e non solo non hai tempo per cucinare, non sai nemmeno che dolce preparare? Vorresti urlare, ma nemmeno per questo hai tempo? Questa crostata decisamente fa per te!!! E’ anche una ricetta svuota dispensa, di recupero.

Si sa non sempre si può avere il tempo di fare le preparazioni di base, di norma la frolla la preparo io, ma per chi non ha dimestichezza con la preparazione della frolla o se si è con l’acqua alla gola con i tempo il rotolo di frolla pronta è la nostra salvezza!!

Nella mia dispensa c’è sempre un barattolo con i biscotti secchi sbriciolati, o con la polvere dei biscotti secchi che rimane sul fondo della confezione, li uso per torte come questa  non ci sono sprechi!

Per la ricetta della pasta frolla guarda;

Infatti ti consiglio di tenerne sempre un rotolo in congelatore, non si sa mai quando può servire.

Lista della spesa

  • 1 rotolo di pasta frolla – oppure segui le ricette delle crostate riportate sopra
  • 1 banana grande o 2 piccole
  • Biscotti secchi sbriciolati a piacere – io misti al cioccolato e non
  • Scaglie di cioccolato gianduia – Io Amedei
  • Zucchero integrale di canna q. b.
Si possono sostituire le banane con Mele, Pere, Pesche ed Albicocche

 

Cuciniamo

  1. Accendere il forno e portarlo alla temperatura e con la funzione riportata sulla confezione della frolla.
  2. Srotolare la frolla su uno stampo da 22 cm, lasciando la carta forno.
  3. In ciotola versare la banana tagliata a rondelle sottili, aggiungere i biscotti secchi e il cioccolato gianduia e mescolare il tutto.
  4. Versare il ripieno sulla frolla e riversare verso il centro il bordo della frolla come in foto.
  5. Spolverizzare con lo zucchero integrale di canna.
  6. Quando il forno raggiunge la temperatura infornare lo stampo e farlo cuocere secondo le indicazioni.
  7. A fine cottura fare la prova stecchino, quindi sfornare.
  8. Servire tiepida o fredda
Buon Appetito!!

Ciambellone di recupero con il cocco degli zuccherini aromatizzati e fiocchi d’avena

Perché in cucina non si butta niente … Se sei per una cucina consapevole senza sprechi, per una eco cucina o per una cucina eco questo è il ciambellone che fa per te!!

Io ho utilizzato il cocco degli zuccherini aromatizzatiqui trovi la ricetta di come prepararli, mi dispiaceva proprio buttarli, inoltre ho unito tutti i fondi dei miei barattoli di farine, già perché forse non ve l’ho mai detto ma ho uno stipetto pieno di barattoli con tutte farine differenti, è il mio orgoglio!!

Anche questo come gli zuccherini è un dolce che si prepara in 5 minuti, mentre il forno arriva in temperatura, si insomma questo è un dolce che ce le ha proprio tutte, è di recupero, è veloce e soprattutto è buono, ma ovviamente non è adatto a bambini a causa dell’alcool di cui è imbevuto il cocco 😉

Lista per la spesa

 

  • 1/4 di tazza (cup) io il cocco degli zuccherini aromatizzati, scolati
  • 1/4 di tazza (cup) di fiocchi d’avena
  • 1/2 tazza mista di farina di tipo 00 e 2
  • 1/4 di tazza (cup) di farina di mais (quella per la polenta gialla)
  • 150 g di zucchero di canna
  • 100 ml di latte (io scremato)
  • 20 g di olio di semi
  • 11 g di lievito per dolci + 3 g di bicarbonato di sodio

Cuciniamo

  1. Accendere il forno modalità statica e portarlo a 170°.
  2. Versare in un recipiente tutti gli ingredienti, amalgamare bene e velocemente.
  3. Versare l’impasto in uno stampo io ho usato quello in silicone, se usi un altro tipo di stampo va precedentemente imburrato ed infarinato.
  4. Infornare e cuocere per 40 minuti, già dopo i primi 30 minuti si può fare la prova stecchino, ti tempi di cottura dipendono da quant’è liquido l’impasto e dal forno utilizzato.
Buon Appetito!!

Plumacake ai kiwi e zucchero integrale di canna

plumacake-kiwi-zucchero-di-canna-farina-mais-monococco-00Questo soffice e dietetico  plumcake ai kiwi è davvero perfetto per la colazione e merenda, pochi semplici ingredienti e davvero si fa in 5 minuti, giusto il tempo di far scaldare il forno, non c’è nemmeno bisogno di utilizzare il robot da cucina basta la frusta e una spatola.

E’ un dolce dietetico perché contiene solo un cucchiaio di olio di semi di girasole, e non contiene altri grassi, i liquidi sono inseriti solo attraverso i kiwi frullati.

A seconda di quanto sono maturi i kiwi il dolce risulterà più o meno zuccherino.

Io ho utilizzato uno stampo in silicone, ricorda di impostare sempre la funzione forno statico quando utilizzi uno stampo in silicone per cuocere i dolci

 

Lista della spesa per 1 plumcake

  • 2 uova
  • 100 g di zucchero integrale di canna
  • 1 cucchiaino di bicarbonato (come lievito)
  • 80 g di farina di mais
  • 40 g di farina di Monococco – io Tradizioni Padane
  • 40 g fi farina 00
  • 1 cucchiaio di olio di semi di girasole
  • 2 kiwi piccoli frullati oppure 1 grande

 

Cuciniamo

  1. Accendere il forno impostando 180° e la funzione statico.
  2. Mescolare velocemente le uova con lo zucchero.
  3. Aggiungere amalgamando bene il bicarbonato e le farine setacciate (io uso uno scolapasta).
  4. Aggiungere l’olio e per ultimi i kiwi frullati.
  5. Versare nello stampo (se non usi quello in silicone, prima va imburrato e infarinato)
  6. Infornare per 35 minuti.
  7. Una volta cotto far freddare il dolce e quindi toglierlo dallo stampo.

I tempi precisi di cottura dipendono da forno a forno, quindi fai a tempo ultimato la prova stecchino.