Taste Firenze 2014

Taste Firenze 8 – 10 marzo 2014 l’evento che unisce l’enogastronomia di nicchia e d’eccellenza italiana con gli addetti del settore e gli amanti del foodies. Organizzata da Pitti Immagine anche quest’anno la manifestazione del gusto si svolge nella suggestiva Stazione Leopolda di Firenze. Pareti alte in mattoni rossi, un tetto a struttura metallica, le vecchie rotaie in alcune zone del pavimento, questo è l’ambiente che fa da cornice a questo appuntamento. Mi è piaciuta molto l’atmosfera moderna e di tendenza che circonda le aziende e i loro prodotti innovativi e tradizionali.
È un evento molto interessante, pieno di spunti per la tavola e l’arricchimento delle nostre pietanze, una manifestazione non solo bella da vedere e gustare ma anche ricca di appuntamenti, insomma questo di Firenze è un Taste tutto da scoprire!
Qui ho incontrato alcuni amici che già avete avuto modo di conoscere, con i loro deliziosi e stuzzicanti prodotti.
Barbero Davidecon le sue deliziose Torronfetteil Nocciolonee i Grissini Rubatà e molto altro ancora. Un azienda “dolce” frizzante e tradizionale che ha creato un nuovo modo di gustare il torrone. Un sapore per ogni gusto, un torrone per tutti i gusti in ogni momento della giornata.
Antica Macelleria Falornicon la speciale Finocchiona Sbriciolona, La Pancetta steccata agli aromi e l’Aroma Fresco . Tutte le declinazioni dei salumi e le spezie per arricchire piatti semplici o complessi. Un’azienda dai prodotti che evocano la passione per la cucina e la tradizione preparati con amore e sapienza.
Agricola del sole con le semolespeciali e selezionate e il suo Passito di Uva Moscato. Azienda del Gruppo Casillo, offre un gusto fragrante che avvolge il palato. L’attenzione e la cura per il territorio spiccano gustandone i prodotti, così come il sapore persistente.
Ho anche avuto modo d’incontrare personalmente il Sig. Castagna della Azienda Castagna, si occupa di formaggi, li conosce a fondo,  li seleziona e ne offre una vasta gamma.  Nel catalogo propone formaggi sia di latte vaccino a sia di capra, ognuno con una caratteristica precisa e differente, formaggi molto invitanti ed adatti a tutti i palati, da quello più sofisticato a quello più rustico.

 

Io penso che non mi stancherò mai di dirlo, poiché ogni volta provo questa sensazione rinnovata e reale, ciò che mi colpisce sempre quando incontro le persone di queste meravigliose aziende enogastronomiche, è la totale e incondizionata passione per il proprio lavoro e l’amore con cui esso viene portato avanti, questo inevitabilmente si riscontra al palato quando si gustano questi meravigliosi prodotti d’eccellenza tutta italiana.

Le Idee regalo di Roner – Gift’s idea for Christmas by Roner

Sei alla ricerca di un’idea “spiritosa” per Natale? sei alla ricerca di un simpatico presente o un regalo di classe? Non hai proprio idea di come risolvere il problema “regali natalizi”?, niente paura la Roner ha pensato a tutto, tante idee regalo con un semplice click, faranno arrivare velocemente a casa tua i tuoi regali di “spirito”, evitandoti le classiche corse riparatorie per la mancanza di idee regalo.

E allora ecco che puoi scegliere fra i deliziosi calendari dell’avvento dalle molteplici forme … la bontà e la qualità la conosci, la firma Roner è una garanzia.

Sono idee simpatiche romantiche e allegre, che raccontano la dolce e festosa atmosfera di Natale, cogli l’occasione al volo non attendere ancora, clicca sul link, quello che trovi qui sotto e sbizzarrisciti negli acquisti. Buon divertimento e buoni regali!

Le Idee di Roner

Are you looking for an idea witty for Christmas? are you looking for a nice present or a gift? You have no idea of how to solve the problem Christmas gifts?, don’t worry the Roner has thought of everything, many gift ideas with a simple click will get quickly to your home your gifts of “spirit, so you don’t need traditional remedial courses for the lack of gift ideas.
And then here you can choose between the delicious advent calendars from multiple forms the kindness and know quality, signature Roner is a guarantee.
They are romantic and cheerful fun ideas, telling the sweet and festive atmosphere of Christmas, take the opportunity on the fly does not wait, click on the link, what you find below and be bold in purchases. Have fun and good gifts!

Orto Beer e Farcomi Day 2013

Lo scorso fine settimana siamo stati alla festa di Cascina Orto a Pasturana mi ha condotto a questa festa il filo di Birra Pasturana cene e pranzi un mercatino bio e del baratto, concerti e tanta allegria” questa la promessa assolutamente mantenuta da Birra Pasturana.
Una festa a cui abbiamo partecipato con le nostre cagnoline, già perché il bello di eventi come questo è proprio che tutta la famiglia può divertirsi insieme fra i profumi della campagna.

La cena non potevamo non assaggiare i piatti preparati con Birra Pasturana si poteva infatti gustare lo stinco di maiale alla birra (davvero buono!) accompagnandolo alla farinata alla ratatouille e al birramisù, per chi non lo conoscesse è un tiramisù alla birra… ma andiamo per gradi.
Ad accoglierci al tramonto abbiamo trovato Sandro Simone e Pierluigi, accanto alla loro birra, dove il bancone faceva bella mostra di se assieme ad alcune delle loro birre sebbene scegliere quale sia la propria preferita in certi casi sia davvero molto difficile; ognuna è perfetta a seconda dell’atmosfera che si sta ricercando, dai colori pieni ai sapori decisi e delicati, dal suono di una birra spillata nel boccale ai merletti di Brouxelles. E in una festa come questa non potevano mancare le bancarelle con la vendita dei prodotti tipici, dal vino ai gufetti di un ragazzo toscano molto simpatico alle creme e confetture biologiche.
Quando siamo arrivati abbiamo notato immediatamente un’organizzazione che non ha tralasciato nulla trovando un grande parcheggio e dopo una breve passeggiata siamo arrivati nello spiazzo dedicato alla festa vera e propria, piano piano l’aia si è riempita di urla giocose dei bambini, delle voci e delle risa allegre dei genitori che sorseggiavano birra e facevano parte del continuo via vai dalla zona della cucina ai tavoli tutto condito da ottima musica. 
Insomma una serata davvero piacevole piena di armonia e comunione con la natura che ti fa ricordare che la vita quella vera e che fa parte di noi e da cui siamo totalmente rapiti è quella di giornate come questa, all’aria aperta con la famiglia e con gli amici.
Vi consiglio di tenere d’occhio la pagina degli eventi di Birra Pasturana, partecipano sempre ad iniziative deliziose http://www.birrapasturana.it/ita/eventi/

Abbiamo partecipato, su invito di Amedei al Farcomi Day 2013 “Vivi l’ospitalità”, un giorno dedicato a coloro che operano nel settore enogastronomico dove con molto piacere abbiamo incontrato gli amici di Amedei, e dove abbiamo gustato alcuni dei loro prodotti.
E’ stato un giorno molto interessante e ricco di esperienze difatti abbiamo incontrato molte realtà italiane che portano avanti il loro lavoro con passione e trasporto, tutti dal primo all’ultimo si sono rivelati molto disponibili a darci tutte le informazioni sulla filiera di produzione e anche qualche piccolo consiglio.
Il Farcomi Day è un’iniziativa organizzata dalla Farcomi che si occupa di forniture alberghiere. Un giorno festoso in cui si sono incontrati la domanda e l’offerta in un clima di serenità e orgoglio, dove abbiamo gustato dei prodotti davvero eccezionali a Partire da Amedei di cui conosciamo e stimiamo da molti anni il cioccolato in tutte le sue sfumature e tonalità fino ad arrivare a tutti gli altri prodotti del settore enogastronomico che caratterizzano le nostre eccellenze. 
E’ stata una giornata molto bella anche perché abbiamo potuto conoscere Andy Luotto che ha presenziato e cucinato per noi una delle ricette del suo Padella Story che ha presentato in anteprima proprio in questo giorno. 
Andy Luotto è una persona molto generosa, sa dare la massima attenzione a chi gli parla che sia la richiesta di un autografo o consigli sulla cucina oppure il ricordo della ricetta della propria mamma, è stato pronto sagace divertente insomma una persona davvero da conoscere.
Quello che spicca in giornate come queste, sebbene il livello e la qualità dei prodotti presentati dalle aziende fosse davvero altissima, è il lato umano delle persone che hanno lavorato tutte insieme “prestandosi” prodotti per esaltare questo o quel gusto particolare perché è stata la cucina la grande protagonista in tutte le sue forme dalle pentole in pietra ai coltelli lucenti, dai bicchieri di vino rosso rubino ai colorati coni gelato,dal profumo di caffè alle gustose creme ed intingoli, dalla sofficità di pani pizze e lievitati fino a scoprire formaggi per noi sconosciuti chiudendo la giornata con chi l’abbiamo aperta: le note calde ed evocative del cioccolato di Amedei.

Ecco questo è stato il nostro fine settimana, pieno di sorprese e di gusto.

 

var addthis_config = {“data_track_addressbar”:true};
//s7.addthis.com/js/300/addthis_widget.js#pubid=ra-522c9ac24d382992

Cheese di Bra 2013 – 20/23 settembre

Ieri siamo stati al Cheese di Bra in provincia di Cuneo edizione 2013 le date sono 20 – 23 settembre, per chi ama i formaggi e le manifestazioni all’aperto questo è decisamente l’evento ideale per tutta la famiglia e fra oggi e domani vi consiglio di andarci troverete una manifestazione ricca di sorprese.


Bambini uomini donne ragazzi anziani tutti uniti da un’unica grande passione il cibo, formaggio per la precisione che ci viene presentato da ogni parte del mondo e dall’Italia che ci sorprende sempre più per la capacità delle sue aziende ognuna delle quali è orgogliosa di mostrare nuovi sapori e di riscoprire tecniche antiche.

Le strade di Bra si sono tinte di bianco, si il bianco dei formaggi e del latte, ma anche delle tensostrutture che raccolgono tutte le aziende e le loro personali declinazioni del formaggio, i profumi tipici di questi prodotti ti guidano per le strade dove persone allegre e curiose si spingono alla scoperta di questo o quel prodotto. Eppure il Cheese non accoglie solo il formaggio, è già perché il formaggio in tutte le personalità si degusta, ma con cosa lo puoi mangiare? Birre e distillati, ma anche vini e pizza o fritti e panini insomma tutto quello che ti viene in mente che riguarda questo mondo lo puoi trovare e secondo me se guardi bene in quegli angolini più o meno nascosti… puoi trovare anche qualcosa in più. Ad esempio l’attenzione per un mondo ecosostenibile e la pulizia delle strade di Bra, nonostante la mole di persone, ogni zona dove si trovano i cassonetti per la raccolta differenziata sono presidiati da ragazzi che aiutano le persone a gettare correttamente i rifiuti, e secondo è una gran bella cosa.

L’allegria di una festa in continuo divenire dalla mattina alla sera con i produttori stanchi ma orgogliosamente felici questo è il Cheese!

Come ho anticipato il Cheese riserva delle piacevoli sorprese, in realtà sono 4 e sono aziende che noi conosciamo bene, trovi molto spesso la presenza loro e dei loro prodotti nelle mie ricette, e questo sicuramente è un momento per conoscerle di persona. Ti parlo di loro così come le ho incontrate ieri… arrivati all’inizio della manifestazione dopo essere scesi dalla navetta Blu incontriamo alla fine di una breve passeggiata la Piazza della Birra… e si qui c’è Birra Pasturana con Sandro e i suoi soci Simone e Pierluigi, si alternano nello stand ma se sei fortunato come noi li puoi trovare tutti e tre insieme; anche perché oltre a fare una grande birra sono anche molto simpatici e disponibili, e insieme riescono a farti capire quali sono i loro ingredienti segreti, una grande intesa e la passione comune per questa bevanda alcoolica. Al Cheese presentano la Filo forte Oro alla spina una birra tutta da scoprire, invitante e piena di gusto, che va assolutamente conosciuta, la confusione è tanta ma il tempo in compagnia di Sandro Simone e Pierluigi è sempre molto piacevole d’altra parte sono uomini sorprendenti e di sostanza esattamente come le loro birre!

Salutiamo gli amici e ci incamminiamo per le strade di Bra e dopo un’altra passeggiata, che sembra durare pochi secondi tante sono le cose che catturano la nostra vista, arriviamo al Caffè Letterario dove incontriamo le eleganti e dolci Christina e Laura assieme ai distillati della Roner, la cosa che mi ha colpito di più nel loro spazio sono i colori dei distillati che hanno portato, la vetrina e il bancone appaiono come una rassegna dei colori caldi in perfetto tema con la stagione autunnale che è appena iniziata, i sapori sono quelli tipici del Trentino un misto di due culture un misto di essenze “spiritose”. Christina e Laura ti accompagneranno alla scoperta dei distillati se non li conosci, e se al contrario li apprezzi ti capiterà di trovarti innamorato dello spirito della Roner.


Salutiamo anche Christina e Laura e continuiamo la scoperta di Bra e delle sue meraviglie, assaggiamo formaggi italiani di Udine e della Campagna Romana, ma anche africani, e nel Mercato Internazionale gustiamo formaggi olandesi, inglesi portoghesi e americani, non potevano mancare quelli francesi! Gli odori nell’aria ci guidano per le strade e gli stand finché arriviamo al Mercato Italiano dove incontriamo una delle aziende che fanno parte della selezione di Italian Food Shop il Caseificio Pier Luigi Rosso, e con grande piacere incontriamo il Proprietario e ci facciamo una bella chiacchierata sui loro formaggi che sono tutti vestiti a festa per l’occasione sulla zona espositiva, e scopriamo sapori e colori davvero originali e allo stesso tempo dall’aspetto molto chic determinato dalla presenza della Birra del Barbera e dal Carbone negli ingredienti di alcuni di loro e questa ricchezza di sapori e colori si ritrova nella tavola e nella pietanze preparate con loro.

Per ultimi, ma solo in ordine d’incontro, gli amici di Cascina Fontanacervo, tutta la loro produzione si è trasferita al Cheese, a partire dagli yogurt quello alle Nocciole IGP del Piemonte non può essere definito solo yogurt è molto di più è un vero e proprio dessert! Volgiamo lo sguardo al banco che ci lascia a bocca aperta, dal primo all’ultimo sono tutti come Giovanni (il proprietario) i suoi candidi formaggi: semplici genuini e dai sapori di una volta, pieni di gusto e salute per tornare bambini e stupirsi della loro bontà ad ogni boccone.

Dopo aver salutato anche loro c’incamminiamo prendendo la strada verso casa, felici e contenti per questa giornata davvero da….. cheeeese!

Questo è il Cheese visto con i miei occhi, vi auguro buon divertimento alla scoperta di questo meraviglioso evento…. vi chiedo solo un favore salutatemi i nostri amici produttori.

 

var addthis_config = {“data_track_addressbar”:true};
//s7.addthis.com/js/300/addthis_widget.js#pubid=ra-522c9ac24d382992

 

Vittoria contest “A tavola con bontà e salute!" in occasione della Race for the Cure di Roma 2013

Ricorcordate questo contest e questa ricetta? … se avete qualche dubbio potete rileggerla Qui ebbene questa è la ricetta che ha vinto … la mia… potete immaginare la mia gioia???? incredibile!! Non solo per la vittoria, ma per quello che rappresenta, la lotta continua e tenace di queste donne che hanno tanto da insegnare a tutti!

GRAZIE a tutti e a soprattutto a Federica per la sua davvero immensa PAZIENZA con me!!

Questi sono i premi che ho ricevuto, uno più dell’altro, quando ho ricevuto la mail in cui mi Federica mi annunciava la vittoria.. ero emozionatissima… quando poi il pacco arrivò …. ero già super-felicissima solo ad averlo lì fra le mani, me lo sono rimirato e mentre lo aprivo… ed ho iniziato a tirare fuori, non uno non due… ma tantissimi premi, cavolo ero troppo troppo troppo contenta, gli accessori da cucina Kitchen Aid vi rendete conto??? un delizioso carrello per la spesa portatile utilissimo per una che quando va a fare la spesa perchè deve prendere solo 1kg di pesche e poi esce dal supermercato piena di cose…. è più che gradito!! … i guanti per lavorare in casa o in cucina senza distruggermi ogni volta lo smalto…. rosa fashion…. finchè non è uscita lei la spilletta della Komen, sono stata davvero fiera di averla ricevuta, è un vero motivo di orgoglio per me averla ricevuta ……….. wow!!!

eccoli qui i miei premi in tutto il loro splendore!
Grazie Komen… spero organizzerete di nuovo eventi come questo!!

 

 

 

 

 

 

 
 

 

var addthis_config = {“data_track_addressbar”:true};
//s7.addthis.com/js/300/addthis_widget.js#pubid=ra-522c9ac24d382992

Viaggio enogastronomico a Greve in Chianti e i medaglioni di manzo GLUTEN FREE con l’Aroma Fresco e la Farina di Riso

Qualche tempo fa con l’Am8 siamo stati in Toscana, e siamo andati a trovare gli amici de l’Antica Macelleria Falorni, dove ci hanno accolto  Caterina Bencistà Falorni e il suo Papà …  la macelleria si trova nel centro di Greve in Chianti nella Valle del Chianti, se farete un viaggio enogastronomico e vi consiglio proprio di farlo una tappa deve essere questa antica macelleria, difatti è grazie a viaggi enogastronomici che si possono scoprire e conoscere piccoli gioielli della nostra Italia e mete come il paese di Greve in Chianti,  in particolare l’Antica Macelleria Falorni assolutamente un’esperienza che non può mancare nell’album dei ricordi.

Solo il viaggio per arrivare è appagante, si percorre dopo aver lasciato l’A1 una strada che passa attraverso la natura e i paesini della zona, e già qui il cuore e gli occhi si riempiono di gioia, ma è proprio quando si arriva a Greve che sembra di essere in un paese d’altri tempi e oltretutto è un posticino davvero molto romantico; nella piazza principale la prima cosa che spicca è l’auto d’epoca dell’Antica Macelleria Falorni, accanto a quest’auto ci sono i tavolini per la degustazione, ma è dietro che si possono iniziare a scorgere le vetrine, proprio lì sotto i portici e sotto l’insegna originale.
Nel momento stesso in cui si supera l’entrata ci si ritrova catapultati in un’altra dimensione, capiterà a voi come è successo a noi che i sensi dell’olfatto e della vista inizieranno a vibrare in quella che è una speciale e splendida esperienza sensoriale, in attesa di gustare queste meraviglie, vedrete i salumi appesi tutti ordinati che fanno bella mostra dal soffitto, i formaggi con le spezie, nella sala a loro dedicata, sala in cui peraltro si trova una scala che porta ad una grotta dove vengono conservati i formaggi, che fascino!! e poi ancora percorrendo il negozio si arriva fino alla zona della macelleria…. dove potete trovare della carne succulenta che vi farà venire voglia di cucinarla e gustarla immediatamente!
Camminando ancora (tornando verso la stanza dei formaggi e sorpassandola) continuando a sentire i profumi e gli umori dei salumi e della carne si arriva alla nuova zona, quella della degustazione, che è l’ultima nata, essa è preceduta da un piccolo merchandising che merita davvero la vostra attenzione… è proprio il caso di dire che l’Antica Macelleria Falorni è tutto questo e molto di più.


In effetti più che visitare una macelleria si ha l’impressione di entrare in un luogo dove ci si sente personaggi di un altro mondo, è una perfetta fusion della migliore tradizione gastronomica toscana e la modernità che si trova nelle più grandi metropoli del mondo, ed è proprio questa una delle caratteristiche che rendono questo negozio (anche se è riduttivo chiamarlo così) un luogo così affascinante.


Solo in città come New York, Toronto o Londra ho trovato questa atmosfera curiosando nei negozi del centro, entrando nella zona di degustazione, anche il senso dell’udito viene coinvolto a pieno…  una suadente musica, che sembra fatta e creata appositamente per la sala e che perfettamente si accompagna alle prelibatezze che si possono degustare, ti inizia ad abbracciare con le sue note fino a portarti a scoprire un’ultima sorpresa che aspetta di esserti svelata, parlo dei distributori di vino Enomatic un’invenzione dello zio di Caterina Bencistà Falorni, come funzionano? si avvicina la tessera prepagata, si poggia il bicchiere e si sceglie il vino… poi sssssss eccolo il vino (la selezione di vini proposta è perfetta per ogni palato ed esalta i salumi e i formaggi) rotondo e profumato, scende e riempie il bicchiere pronto ad essere gustato con salumi e formaggi.
……………. È assolutamente un’esperienza da fare… credetemi!!

AROMA FRESCO dell’ ANTICA MACELLERIA FALORNI è una miscela di erbe aromatiche sotto sale, questaa miscela è formata da: Salvia, Rosmarino, Bacche di Ginepro, Semi di Finocchio Selvatico, Limone ed Aglio. Per quanto sia semplice questo preparato è totalmente versatile e sapete una cosa non potrei più farne a meno! Aiuta a dare più gusto ad ogni piatto… e  sicuramente non può mancare nella mia come nella vostra cucina

 

PREPARATO PER PANE E PIZZA una farina adatta a molte preparazioni e rende i piatti gustosi e adatti a tutti nessuno escluso, perchè è adatta a tutti non solo ai celiaci o agli intolleranti, il gusto risulta davvero delicato e inconsueto.

Ed ora la ricetta GLUTEN FREE

INGREDIENTI PER 2 PERSONE
400gr di medaglioni di manzo
Preparato per Pane e Pizza Farabella qb
Aroma Fresco Antica Macelleria Falorni qb
1 noce di margarina

 

PROCEDIMENTO
In un vassoio mescolare la farina di riso con l’aroma fresco, e impanare i medaglioni, nel frattempo far sciogliere al noce di margarina a fuoco dolce in una padella antiaderente, quindi adagiare dolcemente i medaglioni e far cuocere a seconda del grado di cottura preferito, girare di tanto in tanto.
Semplice veloce e buonissimo!!
Scheda Nutrizionale
SCHEDA NUTRIZIONALE per 100 g di prodotto

  • Calorie: 340 kcal
  • Grassi: 0.2 g
    di cui saturi: 0 g
  • Carboidrati: 83 g
    di cui zuccheri: 1.8 g
  • Fibre: 3.7 g
  • Proteine: 2.8 g
  • Sale: 0 g

 

 

var addthis_config = {“data_track_addressbar”:true};
//s7.addthis.com/js/300/addthis_widget.js#pubid=ra-522c9ac24d382992

USA 19/4 4/5 …. Un bellissimo viaggio fra luoghi, colori e sapori e l’insalata di cavolo cappuccio

Amiche mie come promesso, eccomi a raccontarvi il mio viaggio, eravamo la prima settimana in 4 la seconda in 6, tenete conto che solo io scattato oltre 1600 foto, quindi rendetevi conto di quanto materiale potrei farvi vedere, ovvio vi farò edere solo le foto che più trovo rapprensentative, state tranquille 😉

Di aneddoti potrei raccontarvene infiniti… ma preferisco parlarvi di  Bob Roberto e del suo delizioso ristorantino sulla strada che abbiamo incontrato andando da Las Vegas fino Zion Park.

Bob ci ha spiegato (con molta pazienza e tantissima allegria) le sue specialità e alla fine ci ha preparato un delizioso hamburger di carne di bufalo che io ho accompagnato da una fresca insalata di cavolo invece delle solite patatine fritte. Dopo questo buonissimo ed equilibrato piatto, non era immenso come eravamo abituati a vedere, abbiamo ceduto alla tentazione ed abbiamo ordinato una Kye Lime Pie torta tipica delle Kye Island e Kye Coconut Pie che è stata una vera rivelazione, quello che mi ha colpito della torta al cocco è stato che la crema pasticcera era lo strato fra la frolla molto sottile e la panna, ma dentro la panna si trovavano queste scaglie di cocco…. Che risultavano grattuggiate al momento…. Era buonissima!!
E Poi abbiamo Incontrato Bill in una città mineraria fantasma fra Tonopa e l’AREA 51, lui e i suoi amici ci hanno accompagnato alla scoperta di un vecchio saloon e nella scoperta della casa della proprietaria di questo saloon… che Bill mi ha raccontato essere molto più “vivace” di Calamity Jane…. Il che è tutto dire.
Pesate che Bill e i suoi amici stanno ristrutturando questa struttura e che fra pochi giorni dovrebbero inaugurarla dandole una nuova vita…. Sarà un bellissimo Bed & Breakfast!
Abbiamo visto tante di quelle cose, grazie alla preziosa organizzazione de l’Am8 che non riesco a parlavi di tutto… siamo stati a Disneyland Los Angeles dove siamo tornati bambini e ci siamo divertiti moltissimo nel gioco di Cars il nuovo gioco di quest’anno, abbiamo percorso in auto la costa da Los Angeles fino a San Francisco dove abbiamo visto Alcatraz (mamma che angoscia!!), un posto assurdo chiuso per i troppi costi dovuti alla situazione ambientale; Alcatraz infatti si trova nelle gelide acque oceaniche,  è un isolotto a 2 km da San Francisco flagellato dalle intemperie e dal vento…. Non era propriamente un posto accogliente, e se penso che i figli di chi lavorava lì giocavano sotto il carcere… mi viene la pelle d’oca!
E poi ancora San Francisco, quindi siamo passati in Nevada dove abbiamo visitato Reno, in questa città famosa per i divorzi si trova un bellissimo museo della storia dell’automobile, dalle prime carrozze a motore fino ai giorni nostri, la cosa interessante è la parte dei vestiti e degli accessori annessi, davvero bello, vedere quei vestiti che siamo abituati a vedere nei film a pochi centimetri di distanza da me…. il sogno di tutte noi ragazze.
 


 
Da Reno siamo andati a Las Vegas (meravigliosa è la terza volta che torniamo!) ma per andare da una città all’altra abbiamo attraversato tutto il deserto passando per le città minerarie di cui vi ho parlato sopra.. e siamo passati accanto alla famosa AREA 51… dove abbiamo mangiato nel pub dove hanno girato delle scene di Paul, a me è piaciuto, sebbene sia totalmente distante da me, mi sono divertita ad essere in quel posto da “alieni” …. A Las Vegas abbiamo noleggiato 3 splendide Mustang cabrio…. La nostra era rossa J e il giorno dopo siamo andati alla conquista del deserto, di Page con Antelope Canyon … questo è uno dei posti più belli che abbia mai visto!
Dopo Antelope Canyon un altro posto ha colpito il nostro cuore è stato Horseshoe Canyon … e vogliamo parlare della Monument Valley? …. Non ci sono parole credetemi!
Dopo questo meraviglioso giro siamo tornati a Las Vegas dove abbiamo fatto un giro per i casino… l’outlet e il museo dei Neon, questo è stata un po’ una delusione le insegne funzionanti fanno bella mostra di sé nella galleria di Las Vegas Boulevard meglio conosciuta come la Strip. Il giorno dopo siamo tornati a Los Angeles… e la sera eravamo alla Hall of Fame di Hollywood…. E con Robert Downey Jr (che era lì per la prima di Iron Man 3) ci non ci siamo incontrati per un pelo… a noi chiudeva la metropolitana non abbiamo proprio potuto attenderlo… ma siamo sicuri che il caro Robert abbia capito hehehe
IL giorno dopo siamo andati in aeroporto… e dopo un lunghissimo rocambolesco viaggio (del quale vi grazio hehehe)  siamo arrivati a casa dove ci siamo “goduti” per una settimana e ancora ci portiamo gli strascichi appresso mal di gola febbre e tosse…. Era segno che dovevamo restare lì? … iniziamo tutti a pensarlo seriamente hehehehe

 
L’insalata che vi propongo l’abbiamo gustata a Disneyland, ottima con la carne al barbecue e per cene tra amici … è semplice e velocissima da fare
INGREDIENTI
Un cavolo cappuccio viola
il succo di 2 arance
Olio Agrumato all’arancia L’Agrumato olio extravergine di oliva e arance qb
Olio EVO Tenuta Lucagiovanni olio extravergine di oliva qb
Sale e pepe qb

PROCEDIMENTO
Tagliare a fettine sottili il cavolo cappuccio, lavarlo bene e scolarlo, e versarlo in un’insalatiera capiente, spremere le due arance e versarne il succo sul cavolo aggiungere sale pepe e i due tipi di olio lasciare macerare almeno due ore, considerate che più macera e meglio è.
Buon appetito!

 

 

var addthis_config = {“data_track_addressbar”:true};
//s7.addthis.com/js/300/addthis_widget.js#pubid=ra-522c9ac24d382992

 

Insalata di Misto di Risi integrali …. Vestita di Rosa

Amiche ed Amici Miei eccomi qua, sono tornata dagli USA… ma oggi non vi parlo di me nei prossimi giorni vi farò un bel racconto del viaggio e del rientro un po’ rocambolesco…. Ho passato l’ultima settimana a letto perché sfiancata da febbre mal di gola e tosse… è per questo che sono ancora latitante, uff.

Ma oggi voglio parlarvi di una serie di contest a cui sono stata invitata a partecipare, purtroppo a causa del viaggio e per il noioso problema di cui vi ho accennato aimè riesco a partecipare solo all’ultimo.
Come dico sempre l’importante è partecipare, in questo caso non solo è importante ma è anche doveroso, ho voluto con tutte le mie forze partecipare e così il mio il nostro blog si tinge di Rosa e aggiungo con molto ORGOGLIO!
Importante è partecipare per prendere consapevolezza che ci sono molte donne, figlie, mamme, zie, nonne,  mogli e single che lottano giornalmente contro quel nemico che è il tumore al seno che le uccide dentro con crudeltà e astuzia.
Doveroso perché lo dobbiamo a tutte noi donne per la prevenzione di quell’infido tumore che non guarda in faccia a nessuno e perché imparare a mangiare in modo sano e gustoso non aiuta solo chi sta lottando con un nemico invisibile che ti rode e rosicchia dentro, aiuta tutti noi donne e uomini.
Purtroppo tutti abbiamo un dolore legato a odiose malattie come queste, perché il tumore non guarda se le persone sono buone o cattive, altrimenti colpirebbe solo quelli come lui cattivi e crudeli e che come lui sono davvero cattivi e crudeli dentro!
Il tumore non guarda ceti sociali se si hanno problemi affettivi o meno, non vede se si è già sofferto in questa o quella famiglia una sofferenza legata a questa o altre malattie… perché anche se ti ha già colpito e tu lottando contro di lui hai vinto e lo hai sconfitto una volta, non ti rende immune dalla sofferenza fisica emotiva e mentale, non ci si può permettere di abbassare la guardia e girare pagina MAI, bisognerà sempre sottoporsi a controlli e purtroppo in alcuni casi non bastano, perché quel bastardo torna più volte a rosicchiare la vita ogni giorno un po’ di più nel peggiore dei modi: silenziosamente! Perché il suo machiavellico intento è quello di far perdere la speranza e di far gettare la spugna. E invece no, non ci si deve mai arrendere!! Come in cucina bisogna sempre lottare e andare avanti e non arrendersi mai, e bisogna sorridere SEMPRE e essere SEMPRE positivi… essere positivi rende più forti nello spirito e nel fisico e si può lottare meglio contro quel bastardo!!
 
Bisogna ricordarsi che la ricerca ogni giorni fa passi avanti e i traguardi che oggi sono reali ieri erano solo una chimera.
E per questo rispondo alla gentile proposta della dolce Federica di Komen Italia, che ringrazio moltissimo, perché con infinita pazienza ha risposto a tutte le mie mail (anche dagli USA) e che soprattutto mi ha aspettato.
A breve si terrà a Roma la 14° edizione della Race for the Cure  e la gara di cucina “A tavola con bontà e salute!” è davvero una gara interessante.

 

http://regonline.activeeurope.com/Register/Checkin.aspx?EventID=1195986
Gli ingredienti suggeriti da Komen Italia per questo ultimo contest sono: Misto di risi integrali, Tofu, Rapanelli, Carote, Basilico, Olio EVO 

Io ho aggiunto questi ingredienti: mela la cui buccia è ricca di
sostanze antiossidanti e protettive nei confronti del cancro, noci che hanno proprietà antitumorali, limone che aiuta a rafforzare il sistema immunitario oltre ad essere un alimento che può definirsi un farmaco naturale, i semi di lino dalle grandi proprietà antitumorali ne ho parlato ampiamente qui
 
INGREDIENTI PER LA MIA INSALATA DI RISO ROSA DOSI PER 2-3 PERSONE
          160gr di risi misti integrali (considerate 80gr per persona io ho usato una confezione di risi che conteneva il riso rosso, wild e lungo integrale)
–        150gr Tofu
          4-6 Rapanelli
          1 Carote
          Basilico qb
          Olio EVO
I MIEI AGGIUNTIVI
          1 mela rossa croccante
          15gr di gherigli di noci
          Limone di Sorrento succo e scorza
          1 cucchiaio di semi di lino qui troverete una scheda su questi meravigliosi semi
          Pepe e sale qb
 
PROCEDIMENTO
Lessare il misto di risi integrali per circa 40/45 minuti, e scolarlo.
Lavare e pulire una carota media e con l’aiuto di un pelapatate pelarla facendo tanti nastrini di carote, quando arrivate al centro della carota che risulta più legnosa fermatevi.
Lavare e mondare i rapanelli e tagliarli a fettine molto sottili.
Spezzetare i gherigli di noce.
Tagliare il Tofu a cubetti.
Lavare e tagliare a cubetti la mela CON TUTTA LA BUCCIA.
Tritare i semi di lino, io li “pestati” nel mio fedele mortaio e versarli sopra la mela.
Spremere il succo di mezzo limone e tagliare la scorza in piccole listarelle, ho utilizzato un ¼ di limone.
Lavare e spezzettare a mano le foglie di basilico
Ho posizionato tutti gli ingredienti a strati direttamente nell’insalatiera mentre li preparavo, a questo punto aggiungere il riso, aggiustare si sale e pepe e mescolare, per ultimo versare a filo l’olio, mescolare per bene e lasciare riposare, più riposa più è buona!
BUON APPETTITO
J
Il risultato è un’insalata allegra, originale, gustosa e molto fresca, un ottimo piatto unico adatto a pranzo come a cene con amici e parenti, ottima anche per simpatici aperitivi!
 

 

 

 



var addthis_config = {“data_track_addressbar”:true};
//s7.addthis.com/js/300/addthis_widget.js#pubid=ra-522c9ac24d382992

Progetto Gusto

Carissime Amiche e Carissimi Amici,

è davvero con tanto piacere e tanto orgoglio che vi annuncio il lancio del mio Progetto GUSTO, un progetto che nasce dall’esigenza di assaporare sapori davvero gustosi e prodotti di alta qualità.
Questo bellissimo progetto è in realtà un viaggio enogastronomico nella nostra Italia e non solo. Se ci fermiamo a pensare quante esperienze culinarie di altissimo livello possiamo fare semplicemente facendo delle gite o dei fine settimana o dei viaggio veri e propri, possiamo capire quanto sia ricca la produzione e soprattutto quanto sia di alto livello.
Sicuramente vi sarà capitato come è capitato a me di rimanere affascinati al pensiero di quanti e quali cibi possiamo annoverare nella tradizione culinaria, ma ancora più grande è la varietà di utilizzo che possiamo trovare in questo nostro paese, difatti ogni singolo cibo può avere miriadi di declinazioni nel nostro paese.  E quindi ho pensato perché non portare nelle nostre case quella ricchezza di sapori che incontriamo nei ristoranti o nelle taverne che scopriamo nei nostri viaggi? Perché non avere una cucina casalinga al livello di un ristorante con grandi ed affermati chef grazie a prodotti che fanno parte della nostra tradizione più nobile? È da tempo che ho iniziato un lavoro di conoscenza dei prodotti del nostro territorio, la qualità fa si che ogni piatto assuma connotati davvero notevoli  e iniziare a pensare a questo progetto è stato un passo totalmente naturale.
Ho individuato e contattato le aziende che sono il fiore all’occhiello della nostra Italia nel nostro paese e nel mondo, aziende che sono il nostro orgoglio nell’ambito del gusto e della qualità, e sono rimasta stupefatta dall’accoglienza e dalla disponibilità che queste persone, prima che produttori, hanno avuto nei miei confronti; sono rimasta affascinata da ognuno di loro nel sentirli parlare con fierezza passione ed affetto del loro lavoro, ho potuto fare io per prima un viaggio interessantissimo in ognuna di queste realtà  e credetemi  questi sentimenti si possono ritrovare fra gli ingredienti dei loro prodotti.
Ciò che ho preparato per voi assieme a persone davvero speciali sono delle rubriche in cui vi presenterò dei piatti preparati con determinati prodotti, ricette studiate per gustare a pieno ogni singolo alimento. Spero che vi piaccia il Progetto GUSTO e che imparerete a conoscere e ad amare sotto un altro punto di vista la nostra produzione come la sto conoscendo io, una produzione seria, attenta, professionale e decisamente molto GUSTOSA.
Buon divertimento e soprattutto buon viaggio e buon appetito!!

Le Aziende che fanno parte di questo progetto:

Tradizioni Padane
Compagnia del Montale
Antica Macelleria Falorni

Cucinare che passione, e che meraviglia usare i cinque sensi

 

Nella vita di una persona che come me ama cucinare vivere lontano dalla cucina potrebbe essere davvero complicato; bisogna imparare a gestire questa sensazione quando si ha in mente un piatto da realizzare anche se non si ha la possibilità di mettersi con le mani in pasta.
Osservare una pietanza che prende vita vedendola passare da ingredienti a sé stanti ad un connubio di sapori e di colori, procura la crescita dell’autostima e della propria soddisfazione in tutte le persone che si avvicinano a quest’arte!
La cucina è fantasia, è divertimento e soprattutto è curiosità, difficilmente si possono creare nuove ricette se non si ha quel pizzico di gioia nel provare nuovi accostamenti, la curiosità di fare abbinamenti dissonanti o apparentemente lontani porta alla scoperta di nuovi sapori e spinge chi vive e ama la cucina sotto ogni forma di declinazione a portarsi in ciascuna pietanza un pochino più in là rispetto alla confortevole sensazione di stabilità e intimità che danno le ricette della tradizione.
Vivere il mondo nella pienezza di colori e sapori dato dall’unione di tanti ingredienti fa si che il proprio orizzonte sia sempre nuovo e un pelino più lontano dalla tranquilla e serena normalità in cui una pietanza può venire vista.
Con questo non intendo dire che i piatti della tradizione debbano essere abbandonati ad un triste destino pieno di oblio e solitudine, piuttosto sono convinta che bisogna trarre forza dalla tradizione, perché è in lei che abbiamo le nostre radici culinarie, ma altresì sono convinta che non bisogna aver paura e timore di pensare e proporre ai nostri commensali amici e parenti pietanze differenti con abbinamenti e colori apparentemente impensabili.
Io sono fautrice del divertimento in cucina, e sono fautrice della novità, novità che magari per alcuni altro non sono che la normalità perché hanno già provato quell’unione di sapori e tecniche culinarie, ma la scoperta per me di nuove tecniche ed ingredienti accostati creando quel miscuglio magico di sapori e gusto fanno si che per me sia sempre una novità.
Non mi stancherò mai di dire che la cucina è percezione quella dei cibi, e percezione quella dei 5 sensi, cucinare infatti è la sapiente unione di gusto, olfatto, vista, tatto e udito….
 
Gusto il sapore dei cibi che mangiamo
Olfatto il profumo delle pietanze proposte
Vista l’impatto visivo di un piatto nella sua presentazione e articolazione, in fin dei conti si dice che si mangia con gli occhi.
Tatto la sensazione di consistenza fra le mani durante la lavorazione e la degustazione e perché no la capacità di sporcarsi per una giusta causa, quella della pietanza finita!
Udito forse il senso che più vi sembrerà stonare in cucina, ma che invece è molto importante per la buona riuscita di un piatto; è infatti grazie a questo senso che si si sente borbottare la pila sul fuoco, lo sfrigolio della rosolatura delle carni, il timer del forno o del microonde e quant’altro vi viene in mente.
Insomma la cucina è un’invasione a tutto tonto di quanto più bello ci possa essere nell’utilizzo dei cinque sensi, divertitevi sempre nel praticare questa terapia del buonumore, non sarà un caso in fin dei conti se noi italiani quando ci incontriamo andiamo sempre a finire a parlare di cibo, non credete?
Non esiste cucinare senza amore passione e divertimento, la negazione nell’arte culinaria non dipende dalla naturale indole ad essere cuochi o amanti dell’arte di cucinare, dipende dalla voglia di mettersi in gioco e dal proprio divertimento nel farlo, magari può sembrarvi eccessivo come paragone, ma per me passare un giorno in cucina è un po’ come passare un giorno in un parco divertimenti, ci sono giochi e pietanze per tutte le età con conseguenti difficoltà.
Dopo questo mio esercizio di stile, puro divertimento per me, spero che non abbandoniate mai il desiderio di cimentarvi in cucina… anche il piatto più semplice se fatto con amore e determinazione nel superare le naturali insidie che il cucinare comporta, assicura il successo in termini di gratificazione in chi lo presenta e in chi lo mangia.
Felice Giornata,  a voi :*